J.R.R. Tolkien: La caduta di Artù. L’incantesimo della lingua di Tolkien

Savor the magical beauty of these few words to describe the entire inner world of this king, Arthur, betrayed and deceived, as Tolkien narrates it in “The fall of Arthur”. He writes: “A while then Arthur /white with anger /there sat in silence“. Pale face of anger, can you perceive the profound beauty of this expression? Pale because the news causes him pain, he feels … Continua a leggere J.R.R. Tolkien: La caduta di Artù. L’incantesimo della lingua di Tolkien

Matilde Serao: Leggende napoletane

Le “Leggende napoletane” (GR edizioni, 1994) di Matilde Serao è una raccolta di leggende che l’autrice scrive affascinata dalla bellezza, ma anche dal mistero di una città come Napoli. Una città dove il buio e la luce, l’alto e il basso, il diritto e il rovescio, l’arte e la vita comune si fondono in un unico bagliore e si spengono nella stessa frequente solitudine. Così, grazie … Continua a leggere Matilde Serao: Leggende napoletane

Fabio Geda: Nel mare ci sono i coccodrilli

Il libro di Fabio Geda, Nel mare ci sono i coccodrilli. Storia vera di Enaiatollah Akbari (Baldini & Castoldi, 2010), è una storia che viene da lontano e che ci richiama a un tema ancora presente e di cui spesso tendiamo a dimenticarci: la migrazione e le sue ragioni. Cosa può spingere una madre a portare suo figlio di dieci anni (forse) dall’Afghanistan al Pakistan per poi … Continua a leggere Fabio Geda: Nel mare ci sono i coccodrilli

Antonio Gramsci: Le favole della libertà

“Le favole della libertà” (Harpo, 2017) di Antonio Gramsci, a cura di Graziella Falconi, sono, dal punto di vista letterario, la traduzione a cura di Gramsci delle principali favole dei fratelli Grimm, in realtà, sono molto di più: sono la ferrea forza di volontà di un uomo costretto a un’ingiusta prigionia di restare vivo e di non spegnere la mente e il pensiero così come si … Continua a leggere Antonio Gramsci: Le favole della libertà

Wisława Szymborska:”Amore a prima vista”

“Amore a prima vista” (Adelphi, 2017) è una raccolta di poesie di Wisława Szymborska, poetessa e saggista polacca, premio Nobel per la letteratura nel 2016. Sono tutte poesie d’amore, un amore raccontato nelle sue mille possibilità, solitario e nascosto, oppure emozionato e commosso, un amore non condiviso o persino violento, l’amore della gioventù e l’amore della vecchiaia, perché l’amore non è mai unico e statico, … Continua a leggere Wisława Szymborska:”Amore a prima vista”

Virginia Woolf: “Diario di una scrittrice”

Il “Diario di una scrittrice” (Beat, 2011) di Virginia Woolf è un compendio di umanità nelle sue molteplici sfaccettature, mi appare, soprattutto, come la ricerca estenuante di una via e della libertà al proprio essere donna ed essere scrittrice. “In questo quaderno non voglio scrivere nulla che non mi diverta scrivere. Eppure scrivere è sempre difficile”, scrive la Woolf, ed è vero, perché scrivere non è mai … Continua a leggere Virginia Woolf: “Diario di una scrittrice”

Amélie Nothomb: Sete

Sete di Amélie Nothomb (Voland, 2019), è la storia narrata in prima persona di Gesù nell’ultimo giorno della sua vita. La narrazione è rapida, sebbene talvolta sia necessario fermarsi e tornare indietro per comprendere pienamente, ed è proprio questo esercizio del tornare indietro che rende la meritata pienezza al significato della narrazione che affianca e contrasta la storia nota, la discute e la mette in … Continua a leggere Amélie Nothomb: Sete

Matilde Serao: Il ventre di Napoli

Il ventre di Napoli, di Matilde Serao, nella nuova edizione di Nulla die (2020) con prefazione di Antonella Santarelli, è un classico della letteratura, ma è anche un libro che non può mancare nella nostra biblioteca personale perché racconta una storia reale, vissuta dall’interno, con anima consapevole anche delle brutture oltre che delle bellezze di una città, Napoli, che resta ancora e nonostante tutto un città … Continua a leggere Matilde Serao: Il ventre di Napoli

Tina Cancilleri: Andrea Camilleri e il romanzo storico in Italia

Il saggio di Tina Cancilleri, Andrea Camilleri e il romanzo storico in Italia: a proposito de “Il re di Girgenti” (Edizioni Tracce, 2005), si configura sin dall’inizio come una ricerca aperta. Non perché non sia esauriente, ma perché il modo di trattare un tema non semplice e, anzi, alquanto controverso relativamente al significato di romanzo storico, intriga e incuriosisce ad approfondirne altri aspetti, e proprio in … Continua a leggere Tina Cancilleri: Andrea Camilleri e il romanzo storico in Italia