Kim

“Hey! Can’t you see I’m here?” Kim tells me with a snitch look as I write.
Looking at him I am moved by his beauty and by the affectionate curiosity that binds him to me practically every moment of the day.
He moves me because I read in his liveliness the fulfillment of my husband’s desire to make me happy when he gave it to me. I am moved because I am moved by the tenderness of life and by the need that every creature has to be loved.
Thus, I publish photos of my kitten not because I have nothing else to do, but because I wish they could transmit the emotions I feel beyond the network and physical and virtual space, to console those who suffer, make good hearts smile, fill with tenderness the people I respect and love.
The person that I am, in the conditions in which I find myself, can do very little to convey the love for life and for people that I have always felt and never betrayed, so every little occasion becomes for me a way to communicate the good.
As always, there are those who can or want to understand and those who don’t, but as always this cannot stop the chain of good that every person and every situation deserves.
It’s not easy to love, it’s harder to let yourself be loved.

“Ehi! Non vedi che sono qui?” mi dice Kim con lo sguardo spione mentre scrivo.
Guardandolo mi commuovo per la sua bellezza e per la curiosità affettuosa che lo lega a me praticamente ogni istante della giornata.
Mi commuove perché leggo nella sua vivacità l’adempimento del desiderio di mio marito di donarmi allegria quando me l’ha regalato. Mi commuovo perché mi commuove la tenerezza della vita e il bisogno che ogni creatura ha di essere amata.
Così, pubblico foto del mio gattino non perché io non abbia altro da fare, ma perché vorrei potessero trasmettere oltre la rete e lo spazio fisico e virtuale, le emozioni che io provo, per consolare chi soffre, far sorridere i cuori buoni, colmare di tenerezza le persone che stimo e che amo.
La persona che io sono, nelle condizioni in cui mi ritrovo, può fare ben poco per trasmettere l’amore per la vita e per le persone che ho sempre provato e mai tradito, allora ogni piccola occasione diventa per me un modo per comunicare il bene.
Come sempre, c’è chi può o vuole comprendere e chi no, ma come sempre questo non può fermare la catena di bene che ogni persona e ogni situazione merita.
Non è facile amare, più difficile è lasciarsi amare.

Un pensiero su “Kim

I commenti sono chiusi.