Infinity

Andrea Morra, Trento by night
Nadia, Palazzo Ducale Trento
Naples

That’s right, we are infinitely small but infinitely immense beings. What makes us great is the thought of the other and not the thought of ourselves. Sometimes, these thoughts cross as if by magic and, in the same instant, one thinks of the other and in thinking about it one meets. An example? Last night, I open the balcony of my kitchen and from the top of the black sky my moon smiles at me. In that instant I take a photo and send it to my son in Trento, but in sending it I receive a voice message from him telling me that he is going to photograph the stars and the moon for me. I don’t finish listening to the message I receive from a dear friend of Trento a photo of the moon rising behind the Doge’s Palace. A caress for me these photos and this moon that, from one part of Italy to the other, smiled at us with the same loving gaze. Here, do you see how in love one can transform one’s finitude into infinity? That moon, sister, made us feel close to each other, united by the thought for the other. With emotion I can only be grateful.

È proprio vero, siamo esseri infinitamente piccoli ma infinitamente immensi. Ciò che ci rende grandi è il pensiero dell’altro e non il pensiero di noi stessi. Talvolta, questi pensieri si incrociano come per magia e, nello stesso istante uno pensa all’altro e nel pensarci ci si incontra. Un esempio? Ieri sera, apro il balcone della mia cucina e dall’alto del cielo nero mi sorride la mia luna. In quell’istante scatto una foto e la invio a mio figlio a Trento, ma nello spedirla ricevo un suo messaggio vocale che mi dice che sta andando a fotografare le stelle e la luna per me. Non finisco di ascoltare il messaggio che ricevo da un’amica cara di Trento una foto della luna che si alza dietro il Palazzo Ducale. Una carezza per me queste foto e questa luna che, da una parte all’altra dell’Italia ci ha sorriso con lo stesso sguardo di amore. Ecco, vedete come nell’amore si può trasformare in infinito la propria finitezza? Quella luna, sorella, ci ha fatti sentire gli uni stretti agli altri, accomunati dal pensiero per l’altro. Con commozione non posso che essere grata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.