Edward Scissorshands

Edward Scissorshands is a film by Tim Burton from 1990 that I often watch again not only because it is a beautiful film, but because it always offers new ideas and interpretations.
What I report is a chapter dedicated to this film, taken from my essay “Donne allo specchio. Immagini e cultura del femminile” (Nulla die, 2014).
This film, stripped of its magical vision, leaves an indelible mark on the memory.
Of course, it is the story of someone who is different in order to still want to keep this now customary diction, although devoid of disparaging meaning in my conception of the same. All tenderness and meaning pour into this diversity, the rest is nothing more than a bourgeois microcosm, mirror
of the American society in which the film is set, but extensible to the whole of humanity … a succession, that is, of curiosity, admiration bordering on do-gooders and therefore capable of profound hatred.
The characters in this film are a succession of faces that become unforgettable types: the inhabitants of the neighborhood, ranging from the gossips to the fervent religious fundamentalist, Peggy (the representative of sweet and maternal cosmetics), who welcomes Edward, protects him, becomes him mother, badly concealing the fact of feeling the weight of having to adapt to the social standard to which it corresponds or which is expected to correspond in such a town. Then there is Kim, daughter of Peggy, the only one who really manages to break through the wall of intolerance, although too late and without the strength to go all the way and get rid of the deep regrets which, and you know, you are forever condemning.
The scissors with which Edward is endowed (presage of having to cut with the rest to find a new strength that is not only internal but also visible), an incomplete male creature whose only certainty is the importance of making others happy with what he has , can be immediately compared to their instrumental usefulness. The scissors (of the housewife, of the gardener, of the tailor, of the hairdresser) are present, that is, everywhere: a household tool, I would dare to say, like all the critical flavor of this story that falls not only on the distrust of diversity, but on a a certain way for women to experience their presence in the house.
There is Peggy, angel of the hearth; the dissatisfied masseuse who solves her problems in sexual provocation, there are many gossipers, the religious fundamentalist who sees the devil wherever there is something she does not recognize and decode within her personal certainties: they are all frustrated, equal, stereotyped women, without thickness, except Kim who still has the strength of youth, who can still recognize the metaphor of a flat, seemingly colorful and organized existence (terrible, for example, houses all alike) as opposed to deep and free love for how painful and awkward Edward is, but he doesn’t have the courage to let go.
The scissors, in fact, although common objects, arouse a sense of danger; they are an object to be feared and, therefore, to be shunned, therefore citizenship has no difficulty in passing from the acceptance of the extraordinary that is in Edward to the total and violent rejection of him as soon as they realize that, having overcome the clamor of novelty, Edward can also be a danger to its diversity. In addition, scissors (or blades in general) are often associated in film iconography with the psychopath (Edward, in this case) or with female hysteria. The scissors are feminine (even grammatically) and somehow reflect the industriousness and sweetness of Edward, the feminine in him.
It is perhaps no coincidence that when Edward loses control, the scissors are waved in a non-rhythmic but frenzied, hysterical way, and become dangerous for those close to him and for Edward himself, dark cyborg, half man and half machine, melancholic gothic poet of modernity.

The scissors are prodigious for the skill with which Edward prunes the bushes or carves the statue of Kim in the ice, but they are also a weapon and, therefore, potentially dangerous: everything that is unknown, is scary and it is easy to turn the back to what we do not know despite having exploited its ability, with the alibi of defense. Few are able to take responsibility for what is different and sometimes very incomprehensible. Yet, we too can be scary, because for the other we are different, banal, unobjectionable, but usually forgotten.
In the fairytale film, only Peggy and Kim try to overcome fear, although both are then blocked by the fear of going beyond permanently; Peggy because she is held back by the customs and social judgment of her fellow citizens. She can’t resist without the approval of her people because she is her reality. Kim, on the other hand, is paralyzed by fear of the unknown and will live forever in the melancholy memory of what could have been and was not.
Even as an old woman, now accomplished, married, and with children and grandchildren, her thoughts stop to observe the falling snow and which represents the poetry of her lost love: an infinite love but lost in the maze of its non-place, not having took the opportunity and the time to be.
These two female characters, Peggy and Kim, make me reflect more than the others who are and remain in their flatness banal and complex women, men without depth and insignificant in a life that is always the same just as empty and meaningless, bigoted and malicious women, without head and without ideas. Peggy and Kim are not like that: mother and daughter looking for something else, although once they find it, they cannot keep it.
The fact that Peggy and Kim are mother and daughter does not reveal anything except the blood bond. I am mother and daughter, this is understandable, but nothing shines through in their relationship, their speeches, the way they live their bond. They are two women linked by family ties and that’s it. Their parental relationship is as immobile as the small town in which they live their present time. Not mother and daughter, therefore, but both daughters of the same boredom and social attitude to which they are conditioned.
Edward, upon his arrival, will change the lives of both at least for a moment, even if only Kim will keep his memory and regret forever. I asked myself: regret for Edward because he is such, or for that deep moment of rediscovered meaning and then immediately lost or abandoned?
Peggy is a woman who finds the courage to look beyond the limits of the known. Which cosmetics salesman would have thought, in reality, to go and sell their products in a dismal and apparently abandoned castle?
When she arrives at her destination, she finds Edward, his appearance does not scare her, as if she does not see his difference, yet she immediately tries to hide it, to make him similar to herself, normal, thanks to the help of the only thing she really knows: the quality of its cosmetic powders. She is not afraid of scissors and she tries to medicate poor Edward when he, frightened and nervous, convulsively shakes his arms with their steel hands.
A merciful and protective mother, she Peggy quickly transforms into Edward’s protector, but she is not bold enough to accept his nature fully. She wants to insert it into her reality without modifying it to the boy’s needs and not realizing the difficulty she subjects her protege to by immersing him in a world that does not belong to him and without helping him to understand.
Peggy wants to take an interest in Edward, she is the one who forces him to leave her castle, but she is mother hen, she tries to respond to the natural needs that Edward may have, but she does not recognize the profound difference that separates him from the rest of the world . Peggy thinks of protecting it from the outside, but prepares it to deal with what is outside, nor does it educate the outside to welcome it and understand that difference is not a bad thing: it must be looked at and known to become support for the needs of other without molding them on their own.

Peggy, a good mother, runs out of her nurturing duties, but neither feeds the spirit of her protégé nor does she know how to take care of him. After all, however, she Peggy is not bad; Peggy is not even able to protect herself and her family from the truth, that is, from the immense hypocrisy on which everyone is now used to building their relationships. She knows, but she doesn’t want to know and she doesn’t want to see.
In the end, Peggy also gives up her role as a putative mother, she can’t, she can’t do it, the situation is confused and she is too big, too much at odds with the stability in which she has always lived. Continuing to support Edward and, moreover, his love for Kim, means crossing that border beyond which she too would have been different, different from the rest of the right-thinking people of her people: Peggy can’t do it, she can’t bear the weight. of such a judgment. Her giving up is not the result of malice, but as long as the difference is outside her, she can support it, when instead she becomes so engaging that she too is dissimilar, then it is too much for her ability to discern.
Peggy is used to being as expected. Without a score, in a certain frame within which to manifest herself, Peggy gets lost, gets lost letting that apparent femininity of her vanish, which is unable to make her a complete woman; and she remains a woman within the box. In fact, when Edward vanishes, the crisis is forgotten and everything can return to move in the usual circuit of the usual ephemeral certainties. We no longer know anything about her, her role vanishes with the disappearance of those who had shown a shred of personal meaning to her reality as a hidden, unprecedented woman who remains
such, not disclosed.
The speech on Kim is different. She manages to go further, further, until she falls in love with Edward, but her beyond is not all the way through. “Hug me” she tells him, “I can’t” she replies, but she doesn’t give up and manages to surround herself with her dangerous arms. Here, in that sweet embrace all the infinite love that will bind them forever, despite the different choices … Yet Kim, while saving Edward and ensuring her safety, will never return to him. The problem is not the happy ending of the story, because on the contrary this lack, permeated by deep melancholy, helps more to reflect and to consider the loneliness in which a different person (what will this word ever be?) Can pour; a loneliness that does not close on the different only, since it is amplified on all by isolating them and closing them in the world of apparent certainties in which everyone has built their own refuge. I wondered, however, beyond the story itself, why Kim, this sweet girl but the daughter of her own society and her conditioning, why she never returned to Edward, not even later, not even to ascertain her conditions. The immediate answer is to defend him, to spare him the pain of improbable mixtures, yet I find a more bitter taste than this in other possible answers: because Kim could not accept her (Kim and Edward’s) condition of being different; she couldn’t give up the benefits of a full organized society, she couldn’t
accepting to be excluded herself, she could not bend to living an unusual love story … The fact is, whatever the real reasons, that Kim chooses for her the common way, the obvious one, but does not stop suffering, rather. In her melancholy of her near the window, as an old woman, while she watches the snow descend like a caress that will never touch her, it is understandable all the suffering to which she still underwent and to which she voluntarily wanted to adapt. As often happens with women, choosing the most obvious path leads to parallel lives in which one’s deepest self dozes off and lets itself die. And this is the most touching melancholy that transpires, for me, from the story of Kim and Edward.
Kim is also different, she is a woman at heart and not just in what is expected of her. As Edward remains closed in his fantastic castle, so Kim remains closed in her feminine envelope that forces her to be, in society, a person different from what she is, taken for granted, obvious, repressed, fake, as fake and colored are the houses and the streets of the town in which he lives, empty shells, simulacra of a fake flashy serenity that segregates one from the other and, what is worse, from themselves.
And Kim falls into this net.

Edward Scissorshands è un film di Tim Burton del1990 cui ritrono spesso non solo perché è un film bellissimo, ma perché offre sempre nuovi spunti e chiavi di lettura.
Quello che riporto è un capitolo dedicato a questo film, tratto dal mio saggio “Donne allo specchio. Immagini e cultura del femminile” (Nulla die, 2014).
Questo film, spogliato dalla sua visione magica, incide nella memoria un segno indelebile.
Certo, è la storia di un diverso per voler ancora conservare questa dizione ormai consueta sebbene priva di significato denigratorio nella mia concezione dello stesso. Tutta la tenerezza e il senso si riversano su questa diversità, il resto non è altro che un microcosmo borghese, specchio
della società americana in cui il film è ambientato, ma estensibile all’umanità intera… un susseguirsi, cioè, di curiosità, ammirazione al limite del buonismo e per questo poi capaci di odio profondo.
I personaggi di questo film sono una carrellata di volti che si fanno tipologie indimenticabili: le abitanti del quartiere, che vanno dalla pettegola alla fervente fondamentalista religiosa, Peggy (la rappresentante di cosmetici dolce e materna), che accoglie Edward, lo protegge, ne diventa madre, mal celando il fatto di sentire il peso del doversi adeguare allo standard sociale cui corrisponde o cui ci si aspetta che corrisponda in una cittadina siffatta. Poi c’è Kim, figlia di Peggy, l’unica che riesce davvero a sfondare il muro dell’intolleranza, sebbene troppo tardi e senza la forza di andare fino in fondo e di liberarsi dei profondi rimpianti cui, e lo sa, si sta condannando per sempre.
Le forbici di cui è dotato Edward (presagio del dover tagliare con il resto per ritrovare una forza nuova che non sia solo interiore ma anche visibile), creatura maschile incompleta la cui unica certezza è l’importanza di rendere felici gli altri con quello che ha, possono essere da subito paragonate alla loro utilità strumentale. Le forbici (della casalinga, del giardiniere, del sarto, del parrucchiere) sono presenti, cioè, ovunque: uno strumento casalingo, oserei dire, come tutto il sapore critico di questa storia che non cade solo sulla diffidenza verso la diversità, ma su un certo modo di vivere da parte della donna la propria presenza in casa.
C’è Peggy, angelo del focolare; la massaggiatrice insoddisfatta che risolve i suoi problemi nella provocazione sessuale, ci sono tante pettegole, la fondamentalista religiosa che vede il diavolo ovunque ci sia qualcosa che non riconosce e decodifica all’interno delle sue personali certezze: sono tutte donne frustrate, uguali, stereotipate, senza spessore, eccetto Kim che ha ancora la forza della gioventù, che può ancora riconoscere la metafora di un’esistenza piatta, apparentemente piena di colore e organizzata (terribili, per esempio, le case tutte uguali) opposta all’amore profondo e libero per quanto sofferente e impacciato di Edward, ma non ha il coraggio di lasciarsi andare.
Le forbici, infatti, per quanto oggetti comuni, suscitano un senso di pericolo; sono un oggetto da temere e, quindi da rifuggire, perciò la cittadinanza non ha difficoltà a passare dall’accettazione dello straordinario che è in Edward al rifiuto totale e violento verso di lui non appena si accorgono che, superato il clamore della novità, Edward può anche essere un pericolo per la sua diversità. Inoltre, spesso le forbici (o le lame in generale) sono associate nell’iconografia cinematografica allo psicopatico (Edward, in questo caso) o all’isteria femminile. Le forbici sono femminili (anche grammaticalmente) e rispecchiano, in qualche modo, la laboriosità e la dolcezza di Edward, il femminile che è in lui.
Non è un caso, forse, che quando Edward perde il controllo, le forbici si agitano in maniera a-ritmica ma forsennata, isterica, e diventano pericolose per chi è vicino e per lo stesso Edward, dark cyborg, mezzo uomo e mezzo macchina, malinconico poeta gotico della modernità.

Le forbici sono prodigiose per l’abilità con cui Edward pota i cespugli o scolpisce nel ghiaccio la statua di Kim, ma sono anche un’arma e, quindi, potenzialmente pericolose: tutto ciò che non si conosce, fa paura ed è facile voltare le spalle a ciò che non conosciamo pur avendone sfruttata l’abilità, con l’alibi della difesa. Pochi sono in grado di assumere la responsabilità di ciò che è differente e talvolta molto incomprensibile. Eppure, anche noi possiamo fare paura, perché per l’altro i diversi siamo noi, banale, inopinabile, ma usualmente dimenticato.
Nel film-favola solo Peggy e Kim provano a superare la paura, sebbene entrambe siano poi bloccate dal timore di andare oltre definitivamente; Peggy perché è frenata dalle consuetudini e dal giudizio sociale delle sue concittadine. Non riesce a resistere senza l’approvazione della sua gente perché è quella la sua realtà. Kim, invece, è paralizzata dalla paura dell’ignoto e vivrà per sempre nel ricordo melanconico di ciò che poteva essere e non è stato.
Anche da vecchia, ormai realizzata, sposata, e con figli e nipoti, il suo pensiero si ferma a osservare la neve che cade e che rappresenta la poesia del suo amore perduto: un amore infinito ma perso nei meandri del suo non-luogo non avendo colto l’occasione e il tempo per essere.
Questi due personaggi femminili, Peggy e Kim, mi fanno riflettere più degli altri che sono e restano nella loro piattezza donne banali e complessate, uomini senza spessore e insignificanti in una vita sempre uguale altrettanto vuota e priva di senso, donne bigotte e maliziose, senza testa e senza idee. Peggy e Kim non sono così: madre e figlia alla ricerca di altro, sebbene una volta trovatolo, esse non riescono a conservarlo.
Del fatto che Peggy e Kim siano madre e figlia non trapela nulla se non il legame di sangue. Sono madre e figlia, questo si capisce, ma del loro rapporto, dei loro discorsi, del modo di vivere il loro legame non traspare nulla. Sono due donne legate da vincolo familiare e basta. La loro relazione parentale è immobile come la cittadina in cui vivono il proprio tempo presente. Non madre e figlia, dunque, ma entrambe figlie della stessa noia e dell’attitudine sociale cui sono condizionate.
Edward, al suo arrivo, cambierà almeno per un momento la vita di entrambe, anche se soltanto Kim ne conserverà per sempre la memoria e il rimpianto. Mi sono chiesta: rimpianto per Edward perché tale, o per quell’attimo profondo di senso ritrovato e poi subito smarrito o dismesso?
Peggy è una donna che trova il coraggio di cercare oltre i limiti del noto. A quale rappresentante di cosmetici sarebbe mai venuto in mente, nella realtà, di andare a vendere i propri prodotti in un castello lugubre e apparentemente abbandonato?
Quando, arrivata a destinazione, trova Edward, il suo aspetto non la spaventa, come se non vedesse la sua differenza, eppure cerca subito di nasconderla, di renderlo simile a sé, normale, grazie al soccorso dell’unica cosa che conosce davvero: la qualità delle sue polveri cosmetiche. Non ha paura delle forbici e prova a medicare il povero Edward quando questo, spaventato e nervoso, agita in modo convulso le braccia con le loro mani di acciaio.
Madre misericordiosa e protettiva, Peggy si trasforma subito in protettrice di Edward, ma non è sufficientemente audace da accettarne la natura fino in fondo. Vuole inserirlo nella sua realtà senza modificarla alle esigenze del ragazzo e non rendendosi conto della difficoltà cui sottopone il suo protetto immergendolo in un mondo che non gli appartiene e senza aiutarlo a comprendere.
Peggy vuole interessarsi a Edward, è lei che lo costringe a lasciare il suo castello, ma è madre chioccia, prova a rispondere alle esigenze naturali che Edward può avere, ma non riconosce la profonda differenza che lo separa dal resto del mondo. Peggy pensa a proteggerlo dall’esterno, ma lo prepara a confrontarsi con quello che c’è fuori, né educa l’esterno ad accoglierlo e comprendere che la differenza non è un male: essa deve essere guardata e conosciuta per divenire sostegno alle necessità dell’altro senza plasmarle sulle proprie.

Peggy, madre buona, esaurisce il suo compito di accudimento, ma non nutre lo spirito del suo protetto né sa prendersene cura. In fondo, però, Peggy non è cattiva; Peggy non è in grado di proteggere neanche se stessa e la sua famiglia dalla verità e cioè dall’immensa ipocrisia sulla quale tutti sono ormai abituati a costruire le proprie relazioni. Lo sa, ma non vuole sapere e non vuole vedere.
Alla fine, Peggy rinuncia anche al suo ruolo di madre putativa, non ci riesce, non può farcela, la situazione è confusa ed è troppo più grande di lei, troppo in contrasto con la stabilità in cui ha sempre vissuto. Continuare a sostenere Edward e, per di più, il suo sopraggiunto amore per Kim, significa varcare quel confine oltre il quale anche lei sarebbe stata diversa, differente rispetto al resto dei benpensanti della sua gente: Peggy non può farcela, non può sostenere il peso di un giudizio del genere. Il suo cedere non è frutto di cattiveria, ma finché la differenza è fuori di lei, può sostenerla, quando invece diventa tanto coinvolgente da rendere anche lei dissimile, allora è eccessivo per la sua capacità di discernimento.
Peggy è abituata a essere come da copione. Senza una partitura, in una cornice certa entro cui manifestarsi, Peggy si perde, si smarrisce lasciando svanire quella sua femminilità apparente che non riesce a fare di lei una donna completa; e resta una donna entro gli schemi. Infatti, quando Edward svanisce, la crisi è dimenticata e tutto può ritornare a muoversi nel solito circuito delle usuali certezze effimere. Di lei non sappiamo più nulla, il suo ruolo svanisce allo svanire di chi aveva mostrato un briciolo di senso personale alla sua realtà di donna nascosta, inedita che resta
tale, non rivelata.
Il discorso su Kim è diverso. Lei riesce ad andare oltre, più oltre, fino a innamorarsi di Edward, ma il suo oltre non è fino in fondo. “Abbracciami” gli dice, “Non posso” le risponde, ma lei non si arrende e riesce a circondarsi delle sue pericolose braccia. Ecco, in quell’abbraccio dolcissimo tutto l’amore infinito che li legherà per sempre, nonostante le scelte diverse… Eppure Kim, pur salvando Edward e assicurandosi della sua salvezza, non tornerà mai più da lui. Il problema non è il lieto fine della storia, perché anzi questa mancanza, permeata da profonda malinconia, aiuta di più a riflettere e a considerare la solitudine in cui un diverso (cosa sarà poi mai questa parola?) può versare; una solitudine che non si chiude sul diverso soltanto, poiché essa si amplifica su tutti isolandoli e chiudendoli nel mondo delle apparenti certezze in cui ciascuno ha costruito il proprio rifugio. Mi sono chiesta, però, oltre la storia in sé, perché Kim, questa ragazza dolce ma figlia della propria società e dei suoi condizionamenti, perché non è mai tornata da Edward, neanche in seguito, neanche per accertarsi delle sue condizioni. La risposta immediata è per difenderlo, per risparmiargli il dolore dei miscugli improbabili, eppure trovo un sapore più amaro di questo in altre risposte possibili: perché Kim non poteva accettare la sua (di Kim e dello stesso Edward) condizione di diverso; non poteva rinunciare ai benefici di una società full organized, non poteva
accettare di essere essa stessa esclusa, non poteva piegarsi al vivere una storia d’amore non usuale… Fatto sta, qualsiasi i motivi reali, che Kim sceglie per lei la via comune, quella ovvia, ma non per questo smette di soffrire, anzi. Nella sua melanconia vicino alla finestra, da vecchia, mentre osserva la neve scendere come una carezza che non la toccherà mai, è comprensibile tutta la sofferenza cui comunque si è sottoposta e cui volontariamente ha voluto adeguarsi. Come spesso accade alle donne, la scelta della via più ovvia conduce a vivere vite parallele in cui il proprio io più profondo si assopisce e si lascia morire. Ed è questa la malinconia più toccante che traspare, per me, dalla storia di Kim e Edward.
Anche Kim è diversa, è donna nel profondo e non solo per quello che ci si aspetta da lei. Come Edward resta chiuso nel suo castello fantastico, così Kim resta chiusa nel suo involucro femminile che la costringe a essere, in società, una persona diversa da quella che è, scontata, ovvia, repressa, finta, come finte e colorate sono le casette e le strade della cittadina in cui dimora, involucri vuoti, simulacri di una finta serenità appariscente che segrega gli uni dagli altri e, ciò che è peggio, da se stessi.
E Kim cade in questa rete.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.