W. Shakespeare: The Tempest

This is not a review, how could such a presumption be dared in front of a master of world literature about whom a lot has been said, but of whom, in my opinion, there is still a complete soul to discover? A soul that we will never be able to reach, perhaps, and precisely because of the greatness that makes Shakespeare’s voice universal. His voice, in fact, does not appeal to judgments but to facts, it does not ask to take sides but to take part in life in its many facets and in the conscious respect that no one is free from error, doubt, possibility of redemption, since everyone is a voice of his dream and every dream is built on pain and hope, experience and inexperience, loneliness and clamor.
My reflection, therefore, does not claim to review a work of particular intensity and complexity such as “The Tempest” (The New Penguin, 1968), but only wants to take a cue from some phrases of the great “bard” that cannot but leave a mark and a thought in the perception and introspection capacity of each one.
In “The Tempest”, as often in Shakespearean works, it tells of a deception, of a multiple deception that seems to transform apparent reality into real so that the deception can be an instrument of recognition, identification and discovery of the truth. It often happens in Shakespeare’s works, we think of Hamlet pretending to be mad to be able to discover his father’s murderer, or Macbeth who, to satisfy his and his wife’s thirst for power, pretends traps and betrayals where there is none. It is that an expedient of abuse and violence against anyone who dares to come between him and the power. I could go on, as Shakespeare’s works are always so deeply human as to be interested in and describe and narrate the plots and deceptions that haunt the daily lives of many of his protagonists.
Let’s return to “The Tempest”, therefore, with a brief summary of the plot: Prospero, legitimate duke of Milan, is exiled for a plot perpetrated by his brother Antonio in agreement with the king of Naples Alonso, on an island in the Mediterranean where Caliban , son of an African witch, a monstrous and violent being and Ariel, an air sprite treated as a slave by Caliban, live. Prospero’s only company is his daughter Miranda. Prospero, scholar and practitioner of the magical arts, will succeed with a trap to wreck the ship on which Antonio, King Alonso and his son Ferdinando travel, right on his island.The intent is to reveal the deceptions, take back the duchy of Milan and give back to his daughter the life that was stolen from her. Miranda and Ferdinando will fall in love, Prospero will succeed in his intent, and the marriage between Miranda and Ferdinando will also represent the union between the Kingdom of Naples and the Duchy of Milan. Caliban will abandon his violence, will recognize Prospero’s goodness and he will leave Ariel free to live his life.
A happy ending, in short, which is reached, as always in Shakespeare’s works, passing through intrigues, subterfuges, fictions, until the revelation of the truth that can be recognizable and recognized only when all the characters have shown, for better or for worse, their own weaknesses and transience.
“We are such stuff as dreams are made on; and our little life is rounded with a sleep (W. Shakespeare, The Tempest, Act IV, Scene I, vv. 156-15 are the words that Shakespeare places on Prospero’s mouth when, finally, everything is revealed and life can resume its course, free itself from the shackles of lies. Prospero is a dreamer, despite being reduced to the extreme condition of a violent and absolute exile that could have put his life and that of his daughter at risk, despite the monsters that populate his time (those who betrayed him and Caliban, on the island), but he continues to dream and on his dreams he builds hope and lesson, determination and perseverance, will for salvation and redemption from abuses and foresight . His action, in fact, does not tend to divide but to unite even if to do so he will have to pretend to be intolerant and bad, but he needs to test not only his feelings, but those of Ferndinado and Miranda. Dreams give him hope, but also the territory on which he can reasonably move to win victory. Nothing is by chance, one would say, but nothing is built without the dream of a possibility and without the ability to seize and invent occasions in which that dream can become reality.
This love for dreams, which repeatedly, even dramatically returns in Shakespeare (I think, for example, of Romeo and Juliet’s Mercutio) is the source, the only resource, from which to draw the strength to dominate the present and build the future.
I wonder, are we still capable of dreaming by building and not by deconstructing? Is the strength of our dreams still the courage of justice and truth? Or, our dreams are they just dreams of well-being that translate into void of meaning and nihilism of meaning?
When the work, The Tempest, comes to its conclusion, Miranda is also fascinated by the new world that she will finally be able to know, which will give her the opportunity to test herself in reality and not in the mysterious and closed world of the island in which she grew up segregated with her father, Prospero. She exclaims «O, wonder! How many goodly creatures are there here! How beauteous mankind is! O brave new world, that has such people In’it! ” (ibid. Act V, Scene I, vv. 182-185). This is Miranda’s hope, to be able to meet a new world, a varied and welcoming world, a world in which to learn to know and know each other. But is this the world we are building? A world in which appearance gives space to substance and emotions and thoughts are translated into facts and actions that welcome and share?
I want to remember that the title of the despotic novel by A. Huxley, Brave New World, is inspired by these same lines, but the world of which the author warns us with irony, is the opposite of the world Miranda hoped for, it is a closed world. to the other and closed to oneself who, in the illusion of well-being and well-being, assassinates hope and freedom.
Again from this work, The Tempest, is taken the title of Janet Frame’s novel, The Owls Cry. This time it is the sprite Ariel who speaks “Where the bee sucks, there suck I, In a cowslip’s bell I lie; There I couch when owls do cry. (ibid. Act V Scene I vv. 88-90). Ariel, finally freed, safely breathes his freedom and lets the flowers of the meadow protect him while far above and far the owls scream without being able to harm him anymore.
Will we be able to grasp the beauty of simple things and draw the nectar of our life from them? A simple question whose answer, however, lies in silence.
The Tempest, a beautiful story, a story where the voice of time can be heard extraordinarily.

Non si tratta di una recensione, come si potrebbe azzardare una tale presunzione dinanzi a un maestro della letteratura mondiale di cui si è detto molto, ma di cui, a mio parere, c’è ancora l’anima completa da scoprire? Un’anima cui non si riuscirà mai a pervenire, forse, e proprio a causa della grandezza che rende universale la voce di Shakespeare. La sua voce, difatti, non si appella a giudizi ma a fatti, non chiede di schierarsi ma di prendere parte alla vita nelle sue molteplici sfaccettature e nel rispetto consapevole che nessuno è esente da errore, dubbio, possibilità di riscatto, poiché ciascuno è voce del proprio sogno e ogni sogno si costruisce su dolore e speranza, esperienza e inesperienza, solitudine e clamore.
La mia riflessione, dunque, non ha la pretesa di recensire un’opera peraltro di particolare intensità e complessità come “The Tempest” (The New Penguin, 1968), ma vuole solo prendere spunto da alcune frasi del grande “bardo” che non possono non lasciare un segno e un pensiero nella percezione e nella capacità di introspezione di ciascuno.
In “The Tempest”, come spesso nelle opere shakesperiane, si narra di un inganno, di un molteplice inganno che sembra trasformare la realtà apparente in reale in modo che l’inganno possa essere strumento di riconoscimento, identificazione e scoperta della verità. Accade spesso nelle opere di Shakespeare, pensiamo ad Hamlet che si finge pazzo per riuscire a scoprire l’assassino del padre, oppure a Macbeth che, per assecondare la sete si potere sua e della sua sposa, finge tranelli e tradimenti là dove non c’è che un espediente di sopruso e violenza contro chiunque osi mettersi tra lui e il potere. Potrei continuare, poiché le opere di Shakespeare sono sempre così profondamente umane da interessarsi e descrivere e narrare le trame e gli inganni che perseguitano il quotidiano di molti dei suoi protagonisti.
Ritorno a “The Tempest, dunque, con un breve riassunto della trama: Prospero, duca legittimo di Milano, è esiliato per un complotto perpetrato da suo fratello Antonio in accordo con il re di Napoli Alonso, su un’isola del Mediterraneo dove vive Caliban, figlio di una strega africana, un essere mostruoso e violento e Ariel, uno spiritello dell’aria trattato come schiavo da Caliban. L’unica compagnia di Prospero è sua figlia Miranda. Prospero, studioso e pratico delle arti magiche, riuscirà con un tranello a far naufragare la nave su cui viaggiano Antonio, il re Alonso e suo figlio Ferdinando, proprio sulla sua isola. L’intento è quello di rivelare gli inganni, riprendersi il ducato di Milano e restituire alla figlia la vita che le è stata sottratta. Miranda e Ferdinando si innamoreranno, Prospero riuscirà nel suo intento, e il matrimonio tra Miranda e Ferdinando rappresenterà anche l’unione tra il Regno di Napoli e il Ducato di Milano. Caliban abbandonerà la sua violenza, riconoscerà la bontà di Prospero e lascerà libero lo stesso Ariel di vivere la sua vita.
Un lieto fine, insomma, cui si perviene, come sempre nelle opere di Shakespeare, passando attraverso intrighi, sotterfugi, finzioni, fino alla rivelazione della verità che potrà essere riconoscibile e riconosciuta solo quando tutti i personaggi avranno mostrato, nel bene e nel male, le proprie debolezze e caducità.
«We are such stuff as dreams are made on; and our little life is rounded with a sleep (W. Shakespeare, The Tempest, Act IV, Scene I, vv. 156-15 sono le parole che Shakespeare pone sulla bocca di Prospero quando, infine, ogni cosa è rivelata e la vita può riprendere il suo corso, liberata dalle pastoie della menzogna. Prospero è un sognatore, pur ridotto nella condizione estrema di un esilio violento e assoluto che avrebbe potuto mettere a rischio la sua vita e quella di sua figlia Miranda, Prospero reagisce, non ha paura dei mostri che popolano il suo tempo (né di quelli che lo hanno tradito in patria né di Calibano, sull’isola), ma continua a sognare e sui suoi sogni costruisce speranza e azione, determinazione e costanza, volontà di salvezza e di riscatto dai soprusi e lungimiranza. La sua azione, infatti, non tende a dividere ma unire anche se per farlo dovrà fingere di essere intollerante e cattivo, ma ha bisogno di mettere alla prova non solo i suoi sentimenti, ma quelli di Ferndinado e di Miranda. I sogni gli danno la speranza, ma anche il territorio su cui muoversi ragionevolmente per conquistare una vittoria. Nulla è per caso, verrebbe da dire, ma nulla si costruisce senza il sogno di una possibilità e senza la capacità di cogliere e inventare occasioni in cui quel sogno possa diventare realtà.
Quest’amore per i sogni, che più volte, anche drammaticamente, ritorna in Shakespeare (penso, per esempio, al Mercutio di Romeo e Giulietta) è la fonte, l’unica risorsa, cui attingere la forza per dominare il presente e costruire il futuro.
Mi domando, noi siamo ancora capaci di sognare costruendo e non distruggendo? La forza dei nostri sogni è ancora il coraggio di giustizia e verità? Oppure, i nostri sogni sono solo sogni di benessere che si traducono in vuoto di senso e nichilismo di significato?
Quando l’opera, The Tempest, giunge alla sua conclusione, anche Miranda è affascinata dal mondo nuovo che potrà finalmente conoscere, che le darà la possibilità di mettere alla prova sé stessa nella realtà e non nel mondo misterioso e chiuso dell’isola in cui è cresciuta segregata insieme al padre, Prospero. Ella esclama «O, wonder! How many goodly creatures are there here! How beauteous mankind is! O brave new world, that has such people In’it!» ( ibid. Act V, Scene I, vv. 182-185). È questa la speranza di Miranda, potersi incontrare con un mondo nuovo, un mondo vario e accogliente, un mondo in cui imparare a conoscere e conoscersi. Ma è questo il mondo che stiamo costruendo? Un mondo in cui l’apparenza dia spazio alla sostanza e le emozioni e i pensieri si traducano in fatti e azioni che accolgono e condividono?
Voglio ricordare che a questi stessi versi si ispira il titolo del romanzo distopico di A. Huxley, Brave New World, ma il mondo di cui con ironia ci avverte l’autore, è l’opposto del mondo sperato da Miranda, è un mondo chiuso all’altro e chiuso a sé stessi che, nell’illusione del benessere e benestare, assassina la speranza e la libertà.
Ancora da quest’opera, The Tempest, è tratto il titolo del romanzo di Janet Frame, Gridano i gufi. Questa volta è lo spiritello Ariel a parlare «Where the bee sucks, there suck I, In a cowslip’s bell I lie; There I couch when owls do cry. (ibid. Act V Scene I vv.88-90). Ariel, finalmente liberato, respira al sicuro la sua libertà e lascia che i fiori del prato lo proteggano mentre in alto e lontani i gufi gridano senza più potergli fare del male.
Saremo in grado di cogliere la bellezza delle cose semplici e da esse attingere il nettare della nostra vita? Un interrogativo semplice la cui risposta, però, giace nel silenzio.
The Tempest, una storia bella, una storia dove straordinariamente può essere udita come voce del tempo.

Un pensiero su “W. Shakespeare: The Tempest

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.