Inner Grammar

It is true and I admit it without any lie that it annoys me who, proclaiming himself as a writer and intellectual, in his own language makes grammatical blunders and does not care about the coherence of the text from a linguistic and not only semantic point of view, but there is even something worse. In fact, I am even more horrified at the same people who proclaim themselves to be intellectuals and educated and then reveal that they are suffering from an absolute lack of inner grammar, the only one that can allow free and profound listening, real and sincere communication.
There is an inner grammar in those who care not only for the appearance of a text, but for its content, the signifier and the meaning, the sense and direction, the destination and the goal. It is a grammar founded on ethical values ​​and principles concerning the person, truth, justice, honesty, freedom, dignity. Unfortunately, it is a complex code to decipher and it implies a great respect for writing and speech and an immense consideration for the voice and the stories to be told.
Inner grammar is fundamental for every person in every scope it moves, but it is even more so for those who dedicate themselves or presume to writing, since writing, while being an individual action, is never a single solution nor the omniscient answer nor the single reading of the many stories that are offered as ideas to those who know how to gather their weight and consistency. Writing is always a relationship and is related by keeping your own voice together with that of the one whom you are listening and narrating.
Well, grammar should never be betrayed, neither that of the language nor that of the heart. Furthermore, the inner grammar should be taken into consideration as something sacred since it is the voice of respect and welcome, of the embrace and spur of those who stand before stories with humility and with the same dignified humility and modesty , they become the other’s voice.

È vero e lo ammetto senza finzione che mi infastidisce chi, proclamandosi scrittore e intellettuale, nella sua propria lingua compie strafalcioni grammaticali e non ha cura della coerenza del testo dal punto di vista linguistico e non solo semantico, ma c’è di peggio. Inorridisco, infatti, anche di più dinanzi agli stessi che si proclamano intellettuali e colti e poi rivelano di essere affetti da una mancanza assoluta di grammatica interiore, l’unica che possa consentire un ascolto libero e profondo, una comunicazione reale e sincera.
Esiste una grammatica interiore in chi ha cura non solo dell’aspetto di un testo, ma del suo contenuto, del significante e del significato, del senso e della direzione, della destinazione e della meta. Si tratta di una grammatica fondata su valori e principi etici che riguardano la persona, la verità, la giustizia, l’onestà, la libertà, la dignità. Si tratta, purtroppo, di un codice complesso da decifrare e che implica un grande rispetto per la scrittura e la parola e un’immensa considerazione per la voce e le storie da narrare.
La grammatica interiore è fondamentale per ogni persona in ogni ambito si muova, ma lo è ancora di più per coloro che si dedicano o presumono alla scrittura, poiché la scrittura, pur essendo un’azione individuale, non è mai una soluzione unica né la risposta onnisciente né tanto meno la lettura unica delle molteplici storie che si offrono come spunti a chi sappia raccoglierne il peso e la consistenza. La scrittura è sempre una relazione e si pone in relazione tenendo unita la voce propria e quella di chi si ascolta e si narra.
Ecco, non bisognerebbe tradire mai la grammatica, né quella della lingua né quella del cuore. La grammatica interiore, inoltre, dovrebbe essere tenuta in considerazione come qualcosa di sacro poiché è la voce del rispetto e dell’accoglienza, dell’abbraccio e dello sprone di chi dinanzi alle storie si pone con umiltà e, con la stessa dignitosa umiltà e pudore, se ne fa voce.

3 pensieri su “Inner Grammar

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.