A Voice, a Book

My new novel, accepted by the publisher, is being processed for printing. It is always a joy and an emotion to find correspondence to the coherence and honesty of your own work, it is always gratifying to be appreciated for the work done, it is always encouraging to entrust your work to serious people and with them continue to prepare that book that will soon be among the hands of readers (hopefully many) who will be able to share its meaning and spread its word and emotion.
Writing is an act of responsibility and an awareness of the reality that surrounds us or, better, this is my way of taking charge of this reality.
Telling stories that, however fanciful in their overall determination, always reflect real life is not presumption, but heartfelt attention and participation. The life of the other, in fact, becomes a story that is part of our history and it cannot be ignored in the written words as in those spoken, in the actions narrated as in those observed.
It takes responsibility and honest sharing in the life of the other to be able to observe reality and reproduce it in narratives that are the story of one but also the story of all.
It takes honesty and fidelity to the ideals commensurate with the human sense of becoming to be able to express, without judgment, how the life of real people takes place, those whose tears really flow and whose realization is an act of constancy and fidelity to life and freedom that makes us alive as to life itself that makes us free.
The written word is a sign that remains, that traces practicable or avoidable paths, that shows horizons and abysses, that stimulates to stop or to go further … for this, to write, it takes not only beautiful words to know how to put in line one after the other to create images that represent us, but also dignity, modesty, honesty and loyalty to the person and to life so that everyone’s voice, transformed into a book that spreads it as if it were the echo of the heartbeat of our heart, is a true voice that reveals itself responsibly responsible for its responsibility towards others and towards itself.
Good work to all, and that everyone in their day can be satisfied with themselves and their work as I am who continue to look forward and beyond.
Be always the wind at our backs … otherwise said “vento in poppa! Stay tuned!

Il mio nuovo romanzo, accolto dall’editore, entra in fase di lavorazione per la stampa. È sempre una gioia e un’emozione trovare corrispondenza alla coerenza e onestà del proprio lavoro, è sempre gratificante essere apprezzati per il lavoro svolto, è sempre incoraggiante affidare a persone serie il proprio lavoro e con esse continuare a preparare quel libro che presto sarà tra le mani di lettori (speriamo tanti) che potranno condividerne il senso e diffonderne la parola e l’emozione.
Scrivere è un atto di responsabilità e una presa di coscienza rispetto la realtà che ci circonda o, meglio, questo è il mio modo di farmi carico di tale realtà.
Narrare storie che, per quanto frutto di fantasia nella loro determinazione complessiva, riflettono sempre la vita reale non è presunzione, ma accorata attenzione e partecipazione. La vita dell’altro, infatti, diventa una storia che è parte della nostra storia e da essa non si può prescindere nelle parole scritte come in quelle pronunciate, nelle azioni narrate come in quelle osservate.
Ci vuole responsabilità e onesta compartecipazione alla vita dell’altro per essere in grado di osservare la realtà e riprodurla in narrazioni che siano la storia di uno ma anche la storia di tutti.
Ci vuole onestà e fedeltà agli ideali commisurati sul senso umano del divenire per poter esprimere, senza giudizio, come si svolge la vita delle persone vere, quelle le cui lacrime scorrono davvero e la cui realizzazione è un atto di costanza e fedeltà alla vita e alla libertà che ci rende vivi come alla vita stessa che ci rende liberi.
La parola scritta è un segno che rimane, che traccia sentieri percorribili o evitabili, che mostra orizzonti e abissi, che stimola a fermarsi o ad andare oltre… per questo, per scrivere, ci vogliono non solo belle parole da saper mettere in fila l’una dietro l’altra per creare immagini che ci rappresentino, ma anche dignità, pudore, onestà e lealtà alla persona e alla vita affinché la voce di ciascuno, trasformata in un libro che la diffonda come fosse l’eco del battito del nostro cuore, sia una voce vera che si rivela responsabilmente responsabile della sua responsabilità verso gli altri e verso sé stessa.
Buon lavoro a tutti, e che tutti nel proprio giorno possano essere soddisfatti di sé e del proprio lavoro come lo sono io che continuo a guardare avanti e oltre.
Be always the wind at our backs… altrimenti detto “vento in poppa! Stay tuned!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.