Science and Conscience

Yesterday I attended a very interesting online conference. They talked of genomes, of “genetic manipulation” for therapeutic purposes with one eye on science and one on conscience. I must say that the topic took me very much and not only for the skill of the researcher who with grace and intelligence explained things that, for me so distant from scientific knowledge, have become clear and understandable. It involved me very much because the boundary between science and consciousness is somewhat blurred and tends to shift as scientific discoveries nurture human hope for a better life. I think the question is not whether or not to resort to genetic manipulation, but what is the best life. The limit remains that of the ethical conscience, the one in which defines the role of the scientist in a research that is in favor of the human being and his well-being without nourishing whimsical fantasies of an organized and planned immortality to one’s satisfaction. It is one thing to intervene on genetics as a therapeutic form of serious diseases, another to play with genetics to shape human beings according to the taste of those who use them. I hope that you never and never have real and concrete fantasies about the use of genetics for extemporaneous and transitory esthetic purposes. On the other hand, if human intelligence exists, as it does, it is also because it exercises itself in the search for boundaries that always move a little further without assuming the presumption of replacing creation itself. The science of genomes that soothes and cures wounds and diseases that debase the body of the person is welcome, as long as we remain a person, remain human and aware, participate in the healing process and not a machine or object of experimentation that favor tastes and conspiracies that tickle those selfishness and dissatisfaction that have very little of human.

Ieri ho partecipato a una conferenza online molto interessante. Si parlava di genomi, della “manipolazione genetica” a scopo terapeutico con un occhio alla scienza e uno alla coscienza. Devo dire che il tema mi ha preso moltissimo e non solo per la bravura del ricercatore che con garbo e intelligenza ha spiegato cose che, per me così distante dalla conoscenza scientifica, sono diventate chiare e comprensibili. Mi ha coinvolto moltissimo perché il confine tra scienza e coscienza è alquanto labile e tende a spostarsi man mano che le scoperte scientifiche nutrono la speranza umana di una vita migliore. Credo che la domanda non sia se ricorrere o meno alla manipolazione genetica, ma quale sia la vita migliore. Il limite resta quello della coscienza etica, quello in che definisce il ruolo dello scienziato in una ricerca che sia a favore dell’essere umano e del suo benessere senza alimentarne fantasie estrose di un’immortalità organizzata e pianificata a proprio compiacimento. Una cosa è intervenire sulla genetica come forma terapeutica di malattie gravi, altra giocare con la genetica a plasmare esseri umani in base al gusto di chi vi ricorra. Spero che non si ricorra mai e mai si abbiano fantasie reali e concrete sull’uso della genetica a fini estetici estemporanei e transitori. D’altra parte, se esiste, come esiste, l’intelligenza umana , è anche perché questa si eserciti nella ricerca di confini che si spostino sempre un pochino più avanti senza per questo assumere la presunzione di sostituirsi alla creazione stessa. Ben venga quella scienza dei genomi che lenisce e cura ferite e malattie che sviliscono il corpo della persona, purché resti persona, resti umana e consapevole, resti partecipe del processo di guarigione e non macchina o oggetto di sperimentazioni che assecondino gusti e dietrologie che solleticano quegli egoismi e insoddisfazioni che di umano hanno veramente poco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.