Listen

To what extent are people really willing to listen to each other? Often, even the most sensitive or those that you have believed to be such, are unable or unwilling to take care of another out of themselves and bring everything back to themselves as if the discomfort of the other were just an appendage of their own. Social distancing has become a reality more in essence than in form and this, in a society that tends to be particularly selfish and individualistic, creates a chasm between beings who forget that people exist, other people too, and sometimes they are worse off even if they don’t say it and, in silence, they welcome, they always welcome. There is presumption in this, on both sides. Those who always place themselves at the center of everything are presumptuous, but also those who try not to place themselves at the center of attention. There is a care and attention that even these indomitable and rare “heroes” of everyday life in some circumstances that see them more fragile should demand from others, but at least from themselves. Wanting the good of the other, but also loving yourself.

Fino a che punto le persone sono davvero disposte ad ascoltare l’altro? Spesso, anche le più sensibili o quelle che hai creduto tali, non riescono o non vogliono prendersi cura di un altro fuori da sé e riconducono ogni cosa a se stesse come se il disagio dell’altro non fosse che un’appendice del proprio. Il distanziamento sociale è diventato realtà più nell’essenza che nella forma e questo, in una società già tendenzialmente particolarmente egoista ed individualista, crea una voragine tra gli esseri che dimenticano che le persone esistono, anche le altre persone, e talvolta stanno peggio anche se non lo dicono e, in silenzio, accolgono, accolgono sempre. C’è presunzione in questo, da una parte e dall’altra. È presuntuoso chi pone sempre se stesso al centro di ogni cosa, ma lo è anche chi cerca di non porsi al centro dell’attenzione. C’è una cura e un’attenzione che anche questi indomiti e rari “eroi” del quotidiano in alcune circostanze che li vedono più fragili dovrebbero pretendere dagli altri, ma almeno da se stessi. Volere il bene dell’altro, ma volersi anche bene.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.