Storms

We always think we are strangers to the rest, as if we were the only ones and without ties to live in a world without balance. Then, when the rest is present and its voice is heard, we complain, ready to incriminate this or that or even one and the other without ever assuming responsibility from ourselves. So it is for these violent storm surges or storms that hit us from one side or the other of the globe, only then do we remember that perhaps the global warming has consequences on the current state of violence of nature, but we soon forget it (if even we thought about it), the fault is of nature not ours. If we could turn off storms, thunderstorms, heat or cold with a click, we would do it without shame, without ever feeling involved in a natural balance that asks everyone to do their part. Complaint and recrimination are the weapon of our defeat, that weapon we use to always shout at someone without ever considering that change begins within us, within each of us.

https://video.repubblica.it/edizione/napoli/maltempo-a-napoli-la-burrasca-devasta-il-lungomare/373838/374451

Pensiamo sempre di essere estranei al resto, come se fossimo gli unici e senza legami a vivere in un mondo senza equilibri. Poi, quando il resto si fa presente e fa sentire la sua voce ci lamentiamo, pronti a incriminare questo o quello o persino gli uni e gli altri senza mai assumerci la responsabilità a partire da noi stessi. Così è per queste violente mareggiate o burrasche che si abbattono su di noi da una parte o dall’altra del globo, solo allora ci ricordiamo che forse il surriscaldamento terrestre ha conseguenze sulla condizione attuale di violenza della natura, ma presto ce ne dimentichiamo (se pure ci abbiamo pensato), la colpa è della natura non nostra. Se potessimo spegnere con un click le burrasche, i temporali, il caldo o il freddo, lo faremmo senza pudore, senza mai sentirci coinvolti in un equilibrio naturale che chiede a ciascuno di fare la propria parte. Il lamento e la recriminazione sono l’arma della nostra disfatta, quell’arma che usiamo per urlare sempre contro qualcuno senza considerare mai che il cambiamento comincia dentro di noi, dentro ciascuno di noi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.