Charlotte Brontë: Il professore

Il professore (Newton Compton editori, 2019) è un romanzo di Charlotte Brontë in cui ho potuto osservare un vero equilibrio di compostezza tra natura e ragione, tra emozione e ragione, tra realtà possibile e realtà desiderata.
Il professore è un romanzo in cui l’autrice pone al centro della narrazione una storia d’amore controversa e non semplice, come spesso nei suoi romanzi, ma, questa volta, la voce narrante è una voce maschile il che rende ancora più particolare questo romanzo nel quale sono presenti evidenti elementi biografici.
La storia, infatti, riprende con un finale diverso, la reale infatuazione che l’autrice provò per un professore quando, insieme alla sorella Emily, si recò a Bruxelles per apprendere il francese. Certamente autobiografico è anche l’elemento costitutivo del romanzo e cioè la scuola e l’insegnamento visto che Charlotte fu istitutrice e insegnate.
Il professore (Newton Compton editori, 2019) è usualmente , considerato come un’opera minore sebbene sia stato scritto prima di Jane Eyre e di Shirley. Eppure, il romanzo è già caratterizzato dalla capacità propria di questa autrice di analizzare i personaggi non solo dal punto di vista sociale dell’ambiente in cui nascono, ma anche e soprattutto dal punto di vista psicologico.
Infatti, nei personaggi di Mr William Crimsworth e di Mademoiselle Frances Henri, è ben delineata la personalità di entrambi che subisce uno sviluppo e una maturazione che li porterà a riconoscere l’uno nell’altro il compagno non solo di vita, ma quello con cui poter condividere l’amore per l’insegnamento e per una cultura, quella inglese, che diviene per entrambi sinonimo di “casa“.
L’unico punto un po’ distraente, forse, è la quasi spietatezza con cui Mademoiselle parla dei fiamminghi, quasi con disprezzo, sottolineando probabilmente, una concezione diffusa in un’epoca a cavallo tra il Romanticismo e l’età Vittoriana di cui l’autrice è espressione.
Di particolare interesse è anche il personaggio di Mr Hundsen, apparentemente freddo e distaccato, ma l’unico che avrà cura di Mr Crimsworth dall’inizio alla fine, l’unico che saprà apprezzare le qualità di Mademoiselle Frances sebbene di condizione sociale inferiore, l’unico che si porrà come misterioso e attento accompagnatore nella vita della giovane coppia e del loro figlio Victor.
Il professore (Newton Compton editori, 2019) è un romanzo tranquillo, ma non ovvio che fa anche riflettere sull’errore comune di lasciarsi guidare dalle apparenze che spesso tradiscono, qualche volta in bene, come è accaduto con Mr Hundsen, ma più spesso in male come accade per gli altri personaggi di questo piacevole romanzo.

The Professor (Newton Compton editori, 2019) is a novel by Charlotte Brontë in which I was able to observe a true balance of composure between nature and reason, between emotion and reason, between possible reality and desired reality.
The professor is a novel in which the author places at the center of the narrative a controversial and not simple love story as often in her novels, but, this time, the narrator is a male voice which makes this novel even more special. in which there are evident biographical elements.
The story, in fact, resumes with a different ending the real infatuation that the author felt for a professor when, together with his sister Emily, he went to Brussels to learn French. Certainly autobiographical is also the constitutive element of the novel, that is the school and the teaching since Charlotte was the governess and teacher.
The Professor (Newton Compton editors, 2019) is usually regarded as a minor work although it was written before Jane Eyre and Shirley. Yet, the novel is already characterized by the author’s own ability to analyze the characters not only from the social point of view of the environment in which they are born, but also and above all from the psychological point of view.
In fact, in the characters of Mr William Crimsworth and Mademoiselle Frances Henri, the personality of both is clearly delineated, which undergoes a development and maturation that will lead them to recognize in each other the partner not only in life, but the one with whom to be able to share the love for teaching and for a culture, the English one, which becomes for both a synonym of “home”.
The only slightly distant point, perhaps, is the almost ruthlessness with which Mademoiselle speaks of the Flemings, almost with contempt, probably underlining a widespread conception in the period between Romanticism and the Victorian age of which the author is expression.
Of particular interest is also the character of Mr Hundsen, apparently cold and aloof, but the only one who will take care of Mr Crimsworth from start to finish, the only one who will know how to appreciate the qualities of Mademoiselle Frances although of inferior social status, the ‘only one who will act as a mysterious and attentive companion in the life of the young couple and their son Victor.
The Professor (Newton Compton editori, 2019) is a quiet but not obvious novel that also makes us reflect on the common mistake of letting oneself be guided by appearances that often betray, sometimes for good, as happened with Mr Hundsen, but more often in bad as it happens for the other characters in this pleasant novel.

Un pensiero su “Charlotte Brontë: Il professore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.