Thomas Mann: Tonio Kröger

Il racconto lungo Tonio Kröger (BUR, 2016) di Thomas Mann è una storia che conquista da molteplici punti di vista poiché attraverso una storia con evidenti riferimenti autobiografici, l’autore guida il lettore lungo un percorso di formazione umana e culturale che non appartiene, però, al solo autore.

Difatti, la storia di Tonio Kröger, può essere considerata come un racconto di formazione, un racconto, cioè, che accompagna la vita del protagonista dall’infanzia all’adolescenza fino all’età adulta. Ciò che in questa narrazione è particolarmente evidente, è una sorta di ciclicità cui il protagonista, Tonio Kröger, è legato e grazie alla quale può comprendere e accettare il suo mondo di artista e di uomo.

È la storia di un ragazzino, poi, adolescente, poi uomo che sente di essere inadatto alla narrazione comune delle persone, sente il dolore di essere diverso per interessi, ma anche per la sua fisicità che lo contrappone agli altri due personaggi del romanzo che rappresenteranno la sua passione ma anche la delusione più grande: Hans, l’amico; Inge, la ragazza di cui è innamorato non corrisposto.

La ciclicità della narrazione, rappresentata dal ritorno sui luoghi di origine (dove non viene riconosciuto) e dall’incontro con Hans e Inge (dai quali non viene riconosciuto) offre a Tonio Kröger la possibilità di ritrovare nel suo isolamento la natura stessa della sua arte che non è quella di un uomo borghese come sembra suggerisci la sua amica pittrice, Lisaweta, ma di un uomo che vuole amare la vita nelle sue espressioni più semplici priva dei luoghi comuni cui i più si assoggettano facilmente.

Di grande interesse è anche la visione sull’arte e sugli artisti che Tonio Kröger conduce nel suo dialogo con Lisaweta, una visione intima, solitaria, complessa, ma profondamente umana.

Il simbolismo della luce sembra, inoltre, offrire al lettore una pista per scandagliare il sentito dell’autore nel suo ritornare alle origini, la luce della fiammella della guida, la luce della nave nel buio della notte stellata, l’alba rosea dell’ultimo incontro con Hans e Inge.

Il linguaggio è musicale. Tonio Kröger si potrebbe leggere ad alta voce e sentire vibrare le corde emotive del protagonista e dell’autore che toccano fin nel profondo il lettore attento e partecipe.

Thomas Mann’s long story Tonio Kröger (BUR, 2016) is a story that conquers from multiple points of view because through a story with evident autobiographical references, the author guides the reader along a path of human and cultural formation that does not belong, however, to the author alone.

In fact, the story of Tonio Kröger can be considered as a coming-of-age tale, a story that accompanies the protagonist’s life from childhood to adolescence and adulthood. What is particularly evident in this narrative is a sort of cyclical nature to which the protagonist, Tonio Kröger, is linked and thanks to which he can understand and accept his world as an artist and as a man.

It is the story of a little boy, then a teenager, then a man who feels he is unsuitable for the common narrative of people, feels the pain of being different for interests, but also for his physicality that contrasts him with the other two characters of the novel that will represent his passion but also his biggest disappointment: Hans, the friend; Inge, the girl he’s in love with unrequited.

The cyclical nature of the narrative, represented by the return to the places of origin (where he is not recognized) and by the meeting with Hans and Inge (by whom he is not recognized) offers Tonio Kröger the possibility of rediscovering the very nature of his art in his isolation. which is not that of a bourgeois man as his painter friend, Lisaweta seems to suggest, but of a man who wants to love life in its simplest expressions, devoid of the clichés to which most easily submit.

Of great interest is also the vision on art and artists that Tonio Kröger leads in his dialogue with Lisaweta, an intimate, solitary, complex, but deeply human vision.

The symbolism of light also seems to offer the reader a track to fathom the author’s feelings in his return to the origins, the light of the guide flame, the light of the ship in the darkness of the starry night, the rosy dawn of the last meeting with Hans and Inge.

Language is musical. Tonio Kröger could be read aloud and feel the emotional strings of the protagonist and the author vibrate, which deeply touch the attentive and participating reader.

Un pensiero su “Thomas Mann: Tonio Kröger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.