Romina Casagrande: Dreamland and Forest

Dreamland and Forest (Nulla die, 2012) di Romina Casagrande è un fantasy ambientato nell’Alto Medioevo nel quale, con un linguaggio sciolto e appropriato, si narra la storia di Iworin, Benjì, Erik, Simaril, di druidi che cercano di mantenere viva la tradizione originaria proteggendola da culture avverse.

È anche una storia di amore, di isolamento, di scoperte misteriose, di contrasto tra religioni e culture diverse. Nessuno di questi temi prevale sull’altro, sebbene la relazione tra ciò che è vero e ciò che si vuole far credere vero, diviene una sorta di leitmotiv predominante.

A che cosa si è disposti pur di conservare la tradizione? Una tradizione che si basa sulla menzogna può essere considerata tradizione? I custodi di tale tradizione hanno il diritto di compiere persino azioni abiette pur di preservare il culto plagiando il pensiero dei seguaci? Questi alcuni degli interrogativi che accompagnano una lettura piacevole, soprattutto per chi ama atmosfere misteriose e magiche.

I personaggi, allora, rappresentano sé stessi, ma anche le proprie inquietudini, la solitudine, l’impellenza quasi di dare credito alla propria ricerca di senso. Le culture diverse che si incontrano e si amano, come per due dei protagonisti, Iworin ed Erik, diventano l’una per l’altra salvezza rispetto all’inevitabile. Oppure, come per Benjì, la fedeltà all’ideale non consente che la sua ricerca si concluda dopo la crisi e il capovolgimento incontrato e, rappresentato dalla misteriosa multiforme creatura, Simaril, realtà e magia non solo si incontrano, ma si alimentano reciprocamente e nutrono la speranza che un mondo più puro possa esistere.

Dreamland and Forest (Nulla die, 2012) di Romina Casagrande è un bel romanzo che lascia presagire, leggendolo, un possibile seguito.

Dreamland and Forest (Nulla die, 2012) by Romina Casagrande is a fantasy set in the High Middle Ages in which, with a loose and appropriate language, the story of Iworin, Benjì, Erik, Simaril, of druids who try to keep alive the original tradition by protecting it from adverse cultures, is told.

It is also a story of love, of isolation, of mysterious discoveries, of contrast between different religions and cultures. None of these themes prevail over the other, although the relationship between what is true and what you want to be believed to be true becomes a sort of predominant leitmotif.

What are you willing to do in order to preserve the tradition? Can a tradition based on lies be considered as a tradition? Do the keepers of this tradition have the right to perform even abject actions in order to preserve the cult by plagiarizing the thinking of the followers? These are some of the questions that accompany a pleasant reading, especially for those who love mysterious and magical atmospheres.

The characters, then, represent themselves, but also their anxieties, loneliness, the urge almost to give credit to their own search for meaning. The different cultures that meet and love each other, as for two of the protagonists, Iworin and Erik, become one for the other salvation from the inevitable. Or, as for Benjì, fidelity to the ideal does not allow his search to end after the crisis and the overturning encountered and, represented by the mysterious multiform creature, Simaril, reality and magic not only meet, but mutually nourish and nourish themselves. the hope that a purer world can exist.

Dreamland and Forest (Nulla die, 2012) by Romina Casagrande is a beautiful novel that suggests, reading it, a possible sequel.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.