Don’t Be Afraid of Your Change

Why should we fear changes in general and those of one’s body in particular? Why should we hide the real beauty, the one born in an extra fold on the face no longer young or in that line that furrows the forehead from one side to the other? It is precisely these signs that tell us about the beauty that we are, the life we ​​have lived and that has not passed indifferently to our body. The fuller body is no less yourself than the slender and beautiful body of your youth, nor the wrinkles around the eyes cancel the depth of a look that life has lived and fought, sometimes shared, sometimes simply suffered.
What is bad about a step that perhaps becomes less elastic, but whose slowness marks a path full of the footsteps left, the passes crossed, the precipices jumped, the falls from which you have been able to get up?
I had a beautiful body, a young and attractive face, but in my body that changes over time I discovered the sincere beauty that is not afraid of the shape that changes, while it takes great care that the time spent is a dignified and honest, sincere and free, loving and deep.
If time did not pass, if there were no signs on my face and body, I would be prisoner of an eternal present that does not mature and does not create, a present in which even the moment no longer matters since you do not want that moment to pass and may alter, even if practically invisibly, the status of which we think we are masters, but of which we are only prisoners.
Do not be afraid of the time that changes us or of the changes in themselves, they are the origin and flowing source of the new love and the new meaning we will know how to impress our joy of living with.

Perché mai dovremmo temere i cambiamenti in generale e quelli del proprio corpo in particolare? Perché dovremmo nascondere la bellezza vera, quella che nasce in una piega in più sul volto non più giovane o in quella riga che solca la fronte da una parte all’altra? Sono proprio questi segni che ci raccontano la bellezza che siamo, la vita che abbiamo vissuto e che non è passata indifferente al nostro corpo. Il corpo più pieno non è meno te stesso del corpo slanciato e bello della tua gioventù, né le rughe attorno agli occhi cancellano la profondità di uno sguardo che la vita l’ha vissuta e lottata, talvolta condivisa, altra semplicemente sofferta.
Che cosa c’è di brutto in un passo che si fa forse meno elastico, ma la cui lentezza segna un percorso pieno delle orme lasciate, dei valichi superati, dei precipizi saltati, delle cadute dalle quali si è stati in grado di rialzarsi?
Io l’ho avuto un bel corpo, un viso giovane e attraente, ma nel mio corpo che cambia nel tempo ho scoperto la bellezza sincera che non ha paura della forma che muta, mentre ha molta cura che il tempo trascorso sia un tempo dignitoso e onesto, sincero e libero, amorevole e profondo.
Se il tempo non passasse, se non ci fossero segni sul mio volto e sul mio corpo, sarei prigioneira un eterno presente che non matura e non crea, un presente in cui neanche più l’attimo conta poiché non si vuole che quell’attimo trascorra e possa alterare, anche se in maniera praticamente invisibile, lo status di cui pensiamo di essere padroni, ma del quale non siamo che prigionieri.
Non abbiate paura del tempo che ci cambia né dei cambiamneti in sé, sono essi origine e fonte che scorre del nuovo amore e del nuovo significato di cui sapremo imprimere la nostra gioia di vivere.

Un pensiero su “Don’t Be Afraid of Your Change

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.