A Woman Is a Woman

I am disgusted by the ignorance and discrimination that even today, even in times of such a serious epidemic that tears the hearts of too many of pain and suffering, it acts in the mind and words not only of stupid men, but also of women who are just as much and even more. I refer to the “body shaming” mounted against the talented journalist Giovanna Botteri who certainly does not need my words to be defended, also because in these cases it is not a question of defense, but of intelligence. This is why I want to talk about it, because no woman should be offended or defended if her hair turns gray and you do not want to hide it, even if you appear on television, but it is valid for any job or profession. Anyone must feel good about themselves and do their job honestly and with dignity and competence and be valued for that, not for their body or appearance. Applies to women and men! Still, seeing a man with white or graying hair does not cause a sensation, if you see a woman it is “ridiculous and sloppy”. They are clichés, stereotypes, still them !, that persist and, very serious, they also insist (if not more) in the female gaze. This is the serious thing. Choosing to be yourself and being well with yourself is what matters and must count in work as in your home, it is valid for women and for men! It might seem like a theory about another person’s story, but it is the reality that many women and even men (because men also dye their hair) are experiencing these days, I am experiencing it myself, but the discomfort that can annoy me in regrowth it matters very little compared to the writing and communication work that I continue to do, because I am also my regrowth, it is part of me, but what I offer is not the color of my hair, but the soul of my words . Those who know me know it. I have always played to change my hair color, they bleached very early, but never once did I hide the truth, why am I ashamed of it? Why should you feel embarrassed by the question “Are you dying your hair?”. For me, hair color is like someone who puts nail polish on the nails, I like to change and regrowth does not bother me that you see white, but that you see the rest of the color. I love long hair, otherwise I would have cut them short, soft, gray, perhaps whiter than gray … they are my hair, I care for them, they are part of me, but they do not prevent me from being what I am: a free woman who continues to have her say, to do her part, not to interrupt the dialogue. Whoever listens to me online must feel the truth of my heart, as I appear, it matters very little. Wrinkles, do not turn off my smile; non-branded clothes do not alter my dignity; white hair do not turn off the light of my gaze. Will I go back to the hairdresser to color them? Of course I will, because the game continues and I still have a lot to experience. Before judging what is not needed, let yourself be carried away by the essential that certainly is not the color of my hair or the lipstick I use, but the sincerity and honesty of my thought.

 

Sono disgustata dall’ignoranza e dalla discriminazione che ancora oggi, persino in tempo di una così grave epidemia che lacera di dolore e sofferenza il cuore di troppi, agisce nella mente e nelle parole non solo di uomini stupidi, ma anche di donne che lo sono altrettanto e persino di più. Mi riferisco al “body shaming” montato contro la bravissima giornalista Giovanna Botteri che non ha certamente bisogno delle mie parole per essere difesa, anche perché in questi casi non si tratta di difesa, ma di intelligenza. Per questo voglio parlarne, perché nessuna donna deve essere offesa o difesa se i suoi capelli ingrigiscono e non si desidera nasconderli, neanche se si appare in televisione, ma vale per qualsiasi lavoro o professione. Chiunque deve stare bene con sé stesso e svolgere con onestà e dignità e competenza il proprio lavoro e ed essere valutato per quello, non per il proprio corpo o aspetto. Vale per le donne e per gli uomini! Eppure, vedere un uomo con i capelli bianchi o brizzolati non fa scalpore, se si vede una donna è “ridicola e sciatta”. Sono luoghi comuni, stereotipi, ancora loro!, che persistono e, cosa gravissima, insistono anche (se non di più) nello sguardo femminile. È questa la cosa grave. Scegliere di essere sé stesse e stare bene con sé stesse è ciò che conta e deve contare nel lavoro come nella propria casa, vale per le donne e vale per gli uomini! Potrebbe sembrare una teoria sulla storia di un altra persona, ma è la realtà che molte donne e anche uomini (perché anche gli uomini si tingono i capelli) stanno vivendo in questi giorni, io stessa lo sto vivendo, ma il disagio che mi può infastidire nella ricrescita conta pochissimo rispetto al lavoro di scrittura e comunicazione che continuo a fare, perché io sono anche la mia ricrescita, essa è parte di me, ma quello che io offro non è il colore dei miei capelli, ma l’anima delle mie parole. Chi mi conosce lo sa. Ho sempre giocato a cambiare colore ai capelli, si sono imbiancati molto presto, ma mai una volta ho nascosto la verità, perché vergognarmene? Perché doversi sentire imbarazzati di fronte alla domanda “Ti tingi i capelli?”. Per me il colore dei capelli è come chi mette lo smalto sulle unghie, mi piace cambiare e della ricrescita non mi dà fastidio che si veda il bianco, ma che si veda il resto del colore. Amo i capelli lunghi, altrimenti li avrei tagliati corti, morbidi, grigi, forse più bianchi che grigi… sono i miei capelli, li curo, fanno parte di me, ma non mi impediscono di essere ciò che sono: una donna libera che continua a dire la sua, a fare la propria parte, a non interrompere il dialogo. Chi mi ascolta online deve sentire la verità del mio cuore, come appaio conta veramente poco. Le rughe, non spengono il mio sorriso; gli abiti non di marca, non alterano la mia dignità; i capelli bianchi, non spengono la luce del mio sguardo. Tornerò dal parrucchiere a colorarli? Certo che lo farò, perché il gioco continua e ho ancora tanto da sperimentare. Prima di giudicare ciò che non serve, lasciatevi trascinare dall’essenziale che di certo non è il colore dei miei capelli o del rossetto che uso, ma la sincerità e l’onestà del mio pensiero.

Un pensiero su “A Woman Is a Woman

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.