Smile Without a Reason Why

And in this silence it is more beautiful to listen to the chirping of the birds, to observe the sky that seems brighter, to look at your family with even greater affection and to rediscover of yourself and your house its forgotten beauty.

It is a sacrifice, of course, to feel as if you were embalmed, but rigidity can be dissolved by exchanging one more word and smile that indicate awareness and the desire to want to take care of the other.

It is not the end of the world, it is an opportunity to return to love the other and to look at him with new eyes in the hope that as soon as possible the beauty of the found bonds will not be lost again.

Technology allows us to keep open our contacts  and to use them intelligently, not to scare or denigrate, but to describe a somewhat complex everyday to which we must give meaning.

I read a lot and write a lot, then I like “making the sock” (as someone who has forgotten the beauty of art in the hands would say), then I dedicate myself to my new mosaic, listen to music, do gymnastics with my children and we laugh a lot.

Today I start reading another book, by Catena Cancilleri, then I’ll tell you about it.

May my smile and love  for a life that loves us and that we must take care of smile to you every day.

 

E in questo silenzio è più bello ascoltare il cinguettio degli uccelli, osservare il cielo che sembra più luminoso, guardare ai propri familiari con affetto persino più grande e riscoprire di sé e della propria casa una bellezza dimenticata.

È un sacrificio, certo, sentirsi come imbalsamati, ma la rigidità si può sciogliere scambiandosi una parola e un sorriso in più che indicano la consapevolezza e il desiderio di voler avere cura dell’altro.

Non è la fine del mondo, è un’occasione per tornare ad amarlo e a guardarlo con occhi nuovi nella speranza che appena possibile non si smarrisca nuovamente la bellezza dei legami ritrovati.

La tecnologia ci consente di mantenere aperti i contatti e di usarli con intelligenza, non per spaventare o denigrare, ma per descrivere un quotidiano un po’ complesso cui dobbiamo dare significato. Io leggo moltissimo e scrivo moltissimo, poi mi piace “fare la calzetta” (come direbbe qualcuno che ha dimenticato la bellezza dell’arte nelle mani), poi mi dedico al mio nuovo mosaico, ascolto musica, faccio ginnastica con i miei figli e ne ridiamo tanto.

Oggi inizio a leggere un altro libro, di Catena Cancilleri, poi ve ne parlerò.

Che ogni giorno vi sorrida il mio sorriso e l’amore per una vita che ci ama e di cui dobbiamo avere cura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.