The Nonsense Parade

People have got used to bring discredit over the others except themselves and, in turn the same will happen to each of them, yet it does not matter to them provided they could enjoy their instant of celebrity.

What a nonsense!

I feel really discomforted in these situations divided between the love for politeness and the love for the truth. It seems banal, but it is not. The dilemma is to choose between to get in the way of the other, which will be embarrassing at least, or to confute what you are listening, which will probably be considered arrogant despite the style of your speaking could be gentle and without an accusing tone.

At last, if possible, I face the situation, but I am sure this will not help all those others who have listened to such silliness, probably a part of them has had my same doubts but with no reaction following!

What is really sorrowful, apart any situation in particular, is the feeling that many live their lives as in a nonsensical parade, without asking themselves to be loyal to the truth. The consequence is the confusion between real and false, appearance and being, proper and improper, right and wrong, and so on.

A dangerous confusion because, at length, it will make us forget not only the truth in general, but who we really are. Prisoners of the nonsense parade, we continue to polish our false jewels and this falsehood will be the memory of our non-being.

I have left that parade cart many years ago and, although my loneliness has often been the consequence of it, I have continued to walk my route because nothing and none will never be able to reduce me to an automaton prisoner of its own lack of feelings and sense.

 

Le persone si sono abituate a portare discredito sugli altri tranne se stessi e, a loro volta, accadrà lo stesso a ciascuno di essi, ma non importa se possono godersi il loro istante di celebrità.

Che assurdità!

Mi sento davvero a disagio in queste situazioni divisa tra l’amore per la cortesia e l’amore per la verità. Sembra banale, ma non lo è. Il dilemma è scegliere tra intralciare l’altro, che sarà almeno imbarazzante, o confutare ciò che stai ascoltando, che probabilmente sarà considerato arrogante nonostante lo stile del tuo parlare possa essere gentile e senza un tono accusatorio .

Alla fine, se possibile, affronto la situazione, ma sono sicura che questo non aiuterà tutti gli altri che hanno ascoltato una tale stupidità, probabilmente una parte di loro ha avuto i miei stessi dubbi ma senza reazioni!

Ciò che è veramente doloroso, a parte qualsiasi situazione in particolare, è la sensazione che molti vivano la propria vita come in una parata senza senso, senza chiedersi di essere fedeli alla verità. La conseguenza è la confusione tra reale e falso, apparenza ed essere, proprio e improprio, giusto e sbagliato, e così via.

Una confusione pericolosa perché, alla fine, ci farà dimenticare non solo la verità in generale, ma chi siamo veramente. Prigionieri della parata senza senso, continuiamo a lucidare i nostri falsi gioielli e questa falsità sarà il ricordo del nostro non essere.

Ho lasciato quel carro da parata molti anni fa e, sebbene la mia solitudine ne sia stata spesso la conseguenza, ho continuato a percorrere il mio percorso perché niente e nessuno sarà mai in grado di ridurmi a un automa prigioniero della sua stessa mancanza di sentimenti e senso.

Un pensiero su “The Nonsense Parade

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.