Consistency of Words, Consistency in Life

We should be consistent when we use words both written and spoken. We should be consistent not to betray the meaning we are expressing, but also not to betray the essence of our being.It is not an easy task, indeed.

I challenge anyone to say that sometimes what we say is a little bit different from what we really would like to do in a precise moment. An example for all, I proclaim my nonviolence, yet, I cannot deny that sometimes my words have not been so gentle and rage has rushed up to my mind so that anything could have happened in that particular circumstance. But it did not.

Nothing happened because there is a second level of conscience, a deepest one, which has imposed me to be still and calm and to restore the innocent power of my nonviolence as the instrument to oppose the evil I had received.

This is the point, as a matter of fact. How deep is the conscience and awareness of our choices? How strong and assertive the reasons of our actions and reactions? How consistent our declaration of nonviolence?

The answers to these questions vary according to the person who answers, of course; yet there could be something in common among the different answers and it is the purpose of our effort to be consistently nonviolent.

Why do we look for nonviolence? Is it perhaps the current trend? If this is the answer, we have no opportunity to lead at the end our course, because nonviolence is not a game, but the constant and attentive work on ourselves first in order to involve the others in doing the same.

It is predictable we should have weak and frail reactions sometimes, we are human beings and rage as well as fear are a part of our emotional luggage. However, there is a limit to our weakness and fragility and it is in the bond to people and life which has to become eternal point of consistency of our choice for a nonviolent world to be be build.

What we really need is to share and strengthen our consistency of words together with our consistency in life.

 

Dovremmo essere coerenti quando usiamo parole sia scritte che parlate. Dovremmo essere coerenti nel non tradire il significato che stiamo esprimendo, ma anche nel non tradire l’essenza del nostro essere. Non è un compito facile, anzi.

Sfido chiunque a dire che a volte ciò che diciamo è un po’ diverso da quello che vorremmo davvero fare in un preciso momento. Un esempio per tutti, proclamo la mia nonviolenza, tuttavia, non posso negare che a volte le mie parole non siano state così gentili e la rabbia mi sia balzata in mente in modo che tutto potesse accadere in quella particolare circostanza. Ma non è successo.

Non è successo nulla perché c’è un secondo livello di coscienza, il più profondo, che mi ha imposto di essere calma e tranquilla e di ripristinare il potere innocente della mia non violenza come strumento per contrastare il male che avevo ricevuto.

Questo è il punto, di fatto. Quanto è profonda la coscienza e la consapevolezza delle nostre scelte? Quanto sono forti e assertivi i motivi delle nostre azioni e reazioni? Quanto è coerente la nostra dichiarazione di nonviolenza?

Le risposte a queste domande variano a seconda della persona che risponde, ovviamente; tuttavia potrebbe esserci qualcosa in comune tra le diverse risposte ed è lo scopo del nostro sforzo di essere costantemente nonviolenti.

Perché cerchiamo la non violenza? È forse la tendenza attuale? Se questa è la risposta, non abbiamo l’opportunità di condurre alla fine il nostro corso, perché la non violenza non è un gioco, ma il lavoro costante e attento su noi stessi per primi al fine di coinvolgere gli altri nel fare lo stesso.

È prevedibile che dovremmo avere reazioni deboli e fragili a volte, siamo esseri umani e la rabbia e la paura fanno parte del nostro bagaglio emotivo. Tuttavia, esiste un limite alla nostra debolezza e fragilità ed è nel legame con le persone e la vita che deve diventare un punto eterno di coerenza della nostra scelta per la costruzione di un mondo non violento.

Ciò di cui abbiamo veramente bisogno è condividere e rafforzare la nostra coerenza nelle parole insieme alla nostra coerenza nella vita.

Un pensiero su “Consistency of Words, Consistency in Life

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.