Sebi Arena: I misteri del lago

Sin dalle prime battute, «Caro lettore, la voce narrante ha la necessità di raccontare in prima persona, ma, ti avverto, non sarà sempre così», il romanzo breve di Sebi Arena, I misteri del lago, incuriosisce per la presenza di una doppia narrazione che lascia presagire un dualismo della coscienza se non della scienza.

Duplice è, infatti, il piano narrativo e non solo per la molteplicità dei narratori, ma perché si ha la sensazione di trovarsi di fronte a doppie visioni che talvolta si intersecano, altre sono persino paradossali: mito e onirismo, storia e fantasia, realtà e stratificazione di realtà vere o possibili.

Il romanzo, I misteri del lago (Nulla die, 2020), sebi-arena-i-misteri-del-lagocomincia con un crimine, il che gli darà il colore del thriller e dell’indagine poliziesca, ma il fatto che tale crimine si verifichi nel bel mezzo della processione per il Venerdì Santo a Enna, che ci sia la consegna/ritrovamento di un antico manoscritto, che uno dei protagonisti sia Pausania e che altri protagonisti siano un archeologo e una fotografa che si chiama Corinne (Kore), dà a ogni evento il colore non solo del mistero, ma quasi di una iniziazione alla comprensione del significato dei riti eleusini e, in particolare di quello di Demetra e Kore/Persefone, la cui storia sembra rappresentare il passaggio dall’adolescenza innocente a quella della consapevole età adulta.

Il thriller sembra passare in secondo piano, come fosse l’espediente per ritornare a narrare quei miti così legati alla terra di Sicilia, così stratificati nella cultura del luogo da essere parte essenziale ed imprescindibile di vite che nel quotidiano continuano a riecheggiare il mistero e la passione del passato.

Le figure mitologiche rivivono la storia insieme ai personaggi del presente che non sono semplici spettatori, ma protagonisti e narratori per il futuro di gesta e persino di ripetizioni il cui nesso con la realtà appare flebile, sebbene diano alla storia la voce del tempo.

Sfondo attivo e molteplice i colori, i profumi, i paesaggi di una Sicilia che raccoglie e racconta la Storia.

 

Since the beginning, “Dear reader, the narrating voice needs to recount firsthand, but, I warn you, it won’t always be this way”, the short novel by Sebi Arena, I misteri del lago, intrigues for the presence of a double narration that suggests a dualism of consciousness if not of science.

In fact, the narrative plane is twofold and not only for the multiplicity of the narrators, but because one has the feeling of being faced with double visions that sometimes intersect, others are even paradoxical: myth and dream, history and fantasy, reality and stratification of real or possible realities.

The novel, I misteri del lago (Nulla die, 2020), begins with a crime, which will give it the color of the thriller and police investigation, but the fact that this crime occurs in the middle of the Good Friday procession to Enna, that there is the delivery / discovery of an ancient manuscript, that one of the protagonists is Pausania and that other protagonists are an archaeologist and a photographer named Corinne (Kore), gives each event the color not only of the mystery, but almost an initiation into the understanding of the meaning of the Eleusinian rites and, in particular of that of Demeter and Kore / Persephone, whose history seems to represent the passage from innocent adolescence to that of a conscious adulthood.

The thriller seems to go into the background, as if it were the expedient to return to narrate those myths so tied to the land of Sicily, so stratified in the culture of the place to be essential and an essential part of lives that continue to echo the mystery and passion of the past.

The mythological figures relive the story together with the characters of the present who are not mere spectators, but protagonists and narrators for the future of deeds and even repetitions whose connection with reality appears weak, although they give history the voice of time.

Active and multiple background are the colors, scents, landscapes of a Sicily that collects and tells the story.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.