The Labyrinth of Our Discontent

Don’t fall in the trap of the evil ignorance, please! Don’t do that!  Ignorance is a damage to every society not its appreciation and praise. Distrust those who use culture as a weapon against their imaginary enemy, and focus your attention on the mistake they do when they quoth immortal books or thoughts changing them in order to make you believe they are prepared, they … Continua a leggere The Labyrinth of Our Discontent

I’m Looking For…

Thinking about the prisons of soul   I am looking for infinite spaces even in closed ravines and rowdy of the profound egoisms that surround us. I have dreams to dream, thoughts to create and wings to fly.     Pensando alle prigioni dell’anima   Cerco spazi infiniti persino negli anfratti chiusi e turbolenti dei profondi egoismi che ci circondano. Ho sogni da sognare, pensieri … Continua a leggere I’m Looking For…

Riccardo Mazzeo: Bauman e Maggie

Con tenerezza accolgo questo libro di Riccardo Mazzeo, Bauman e Maggie. Il pensatore e la cagnolina venuti dall’Est (Curcu Genovese, 2019).  Con tenerezza, perché senza tenerezza non si può comprendere l’altro, nessun altro, nei momenti di gioia né in quelli di dolore, ma, soprattutto nei momenti di raccoglimento e riflessione che un lutto, un duplice lutto, genera. Ho letto, credo, quasi tutti gli scritti di Riccardo Mazzeo e quasi altrettanto credo … Continua a leggere Riccardo Mazzeo: Bauman e Maggie

Il vento trascina, (Nulla die, 2020)

“Prima dell’inizio, c’erano un uomo e una donna in una lontana città di nome Ilú, Benin City, che forse si amavano e forse no, ma si stavano sposando. Quello che è certo è che lo sposo aveva ottenuto la sposa in cambio di due capre e quattro galline e che la sposa diede presto allo sposo molti figli, la più giovane si chiamava Loveth. Prima dell’inizio, mentre … Continua a leggere Il vento trascina, (Nulla die, 2020)

Ágnes Heller: Dubitare fa bene?

Mai come nel tempo in cui viviamo questo breve libro parla di quegli elementi essenziali che spesso dimentichiamo, ma la cui assenza scava la trappola più pericolosa per ogni essere umano: la trappola della mancanza di coscienza e del dovere morale.  Dubitare fa bene? (Castelvecchi, 2017) è la domanda che Ágnes Heller pone ad ogni lettore e alla quale lei risponde dicendo che dubitare è … Continua a leggere Ágnes Heller: Dubitare fa bene?

In Praise of True Friendship

What about the time, the time spent with friends, the time dedicated to them putting aside yourself and also forgiving the shortcomings considering them superficial ways of acting and not of being. What happened to that time in which you had believed, hoped, in which you had placed the certainty of having found a friend although imperfect, although selfish, although centered on himself. What about … Continua a leggere In Praise of True Friendship