All Animals Are Equal

“All animals are equal … but some animals are more equal than others”, a beautiful example of modification of a law by the new powers described by the skillful hand of George Orwell in his unforgettable allegorical fairy tale “Animal Farm”.
What does it mean? Why do I use it as an incipit of this reflection? Let’s start with the first question: what does it mean? To understand it we must ask ourselves if we are really all the same.
Is every man in front of the law is really the same as the others, do the same consequences correspond to each of us?

The sentence that must be read in a political key in the author’s intentions, actually has a much broader daily repercussion: are we all treated in the same way? Are we all considered “equal”? Certainly not, and it is enough just to think about it a bit: it will certainly happen to everyone to experience situations in which we do not feel considered equal.

The initial question on meaning, therefore, changes in another essential question: why As much as we can try to be objective and to observe and judge in a detached way, we all see in a more or less positive light people or events, and these thoughts then become judgments, even if we are in excellent faith and try to be “impartial” . We are not all considered equal, unfortunately, because equality clashes with the principle of identity that makes the other a foreigner or, better to say, a stranger.
When otherness, understood as historical and cultural difference, becomes Other, the Other, here we have erected a barrier between what belongs to me or is typical of me and what is not. In fact, the barrier becomes a wall of protection of its principles asserted with force and historicized and culturized as if they were the only ones and there were no other uniqueness, that is other stories and other cultures to be told.
We, then, arrive at the reason for this literary incipit, all animals are equal … but some animals are more equal than others … it is as if we were saying that we are all Human, but some are more than others. It is as if we recognized a value and a meaning only to what a party considers to assign a value and a meaning that, moreover, is modified and takes new forms based on the needs of one against the other.
The cultures, however, have a history that determine them and the a-historical judgments that tend towards unequivocal equality, that is, according to the ideologies built for themselves, are transformed into new forms of power and dictatorship.
Perhaps, then, we should recognize that we are not the same but similar and that thanks to this similarity we can enrich each other’s vision of the other. Bringing everything back to the identity yardstick does not imply respecting the horizon of the other or inviting you to respect your own.

Today, therefore, it makes no sense to continue building enclosures between what we consider our own and what does not belong to us, demanding that it were modified.
Altering the history and culture of the others is not only a falsification that cannot work, but it is a process that cannot start because it is offensive and disrespectful to expect a presumed superiority that allows us to lay down the law … here, some are more equal than others.
The Western world often makes this mistake: considering others as the Third World. Between the Third World and the First World (the West) there is a meeting space in which neither one nor the others are first or last, but in which respect and perhaps peace are built.

Respect, that is, understanding that there are cultures (and we must consider them not as a constraint but because it is a fact) that are constituted in a proper way, not different but proper, that is to say that they base their own destiny on their own history.
It is not correct, today, to state as often as we hear that if they come here they have to live like us, because they have to live with us.

We often forget in the West that many of our achievements and riches are due to the countries with which we do not want to confront ourselves, but to which we want to impose our destiny, forgetting that they have a destiny that sometimes unites us, sometimes it separates us, but that makes each of us what we are.
We often intervene on the culture of the others by not allowing ours to be touched and we are silent on the fact that our interferences have often caused the destruction in the lands that already had their own culture (which we call primitive) but that in many of its forms retains a humanity and a spirituality to which we are unaccustomed.
The world has today different borders, in reality there are no more borders, this is the journey that we cannot neglect: the journey inside the Man, which means traveling in his space, in his time, in his personal narration. This is meeting without hating each other, this is knowing ourselves without judging ourselves, this is living together with the awareness of being all the people of the earth. You can not go back. There are trips from which there is no return even if you come back, because you can no longer find people or you don’t want to find them or at least you can’t find them as before.

Nothing is the same as before. More simply, when you return you are no longer the same nor are the people you have left. Nothing can be as it was before, between the first and the after there is life. It’s not always bad, but you have to have the courage to accept the change to understand it.

If everything is expected to be the same, the disappointment that follows has dramatic as well as undesirable implications. The journey changes, woe if it were not so, what would be the use of traveling?

The journey is life and life is changes and it changes.

 

 “All animals are equal… but some animals  are more equal than others”, bellissimo esempio di modificazione di una legge ad opera dei nuovi poteri descritti dall’abile mano di George Orwell nella sua indimenticabile fiaba allegorica “Animal Farm”.

Che cosa significa? Perché usarla come incipit di questa riflessione? Cominciamo dalla prima domanda: che cosa significaPer comprenderlo bisogna chiedersi se siamo davvero tutti uguali.  Ogni uomo, di fronte alla legge è davvero uguale agli altri, per ognuno di noi alle stesse azioni corrispondono le stesse conseguenze?

La frase che si deve leggere in chiave politica nelle intenzioni dell’autore, ha in realtà, risvolti quotidiani ben più ampi: siamo forse trattati tutti allo stesso modo? Siamo tutti considerati “uguali”?  No di certo, e basta giusto pensarci un po’ su: sarà di certo capitato a tutti di vivere situazioni in cui non ci si è sentiti considerati alla pari. 

La domanda iniziale sul significato, quindi, si modifica in un’altra domanda essenziale: perchéPer quanto si possa cercare di essere oggettivi e di osservare e giudicare in modo distaccato, tutti vediamo in una luce più o meno positiva persone o eventi, e questi pensieri diventano poi giudizi, se pure siamo in ottima fede e cerchiamo di essere “imparziali”.  Non siamo considerati tutti uguali, purtroppo, perché l’uguaglianza si scontra con il principio di identità che rende l’altro uno straniero o, per meglio dire, un estraneo.

Quando l’alterità, intesa come differenza storica e culturale, diviene Altro, l’Altro, ecco che abbiamo eretto una barriera tra ciò che mi appartiene o mi è tipico e ciò che non lo è. Nei fatti la barriera diventa un muro di protezione dei propri principi asseriti con forza e storicizzati e culturizzati come se fossero gli unici e non ci fossero altre unicità, cioè altre storie e altre culture da narrare.

Arriviamo quindi al motivo di questo incipit letterario, tutti gli animali sono uguali… ma alcuni animali sono più uguali degli altri… è come se si dicesse che tutti siamo Umani, ma alcuni lo sono più degli altri. E’ come se si riconoscessero un valore e un significato solo a ciò cui una parte ritiene di attribuire un valore e un significato che, inoltre, si modifica e prende nuove forme in base alle esigenze degli uni contro gli altri.

Le culture, però, hanno una storia che le determina e i giudizi a-storici che tendono alla uguaglianza univoca, cioè secondo le ideologie costruite per se stessi, si trasformano in nuove forme di potere e di dittatura. Forse, allora, bisognerebbe riconoscere che non siamo uguali ma simili e che grazie a questa somiglianza possiamo arricchirci reciprocamente della visione dell’altro. Riportare tutto al metro di giudizio identitario non implica il rispetto dell’orizzonte dell’altro né invita a rispettare il proprio.

Oggi, di conseguenza, non ha senso continuare a costruire recinti tra ciò che consideriamo proprio e ciò che non ci appartiene pretendendo che si modifichi. Alterare la storia e la cultura degli altri non solo è una falsificazione che non può funzionare, ma è un processo che non può avviarsi poiché è offensivo e irrispettoso pretendere una presunta superiorità che consenta di dettare legge… ecco, alcuni sono più uguali di altri.

Il mondo Occidentale commette spesso questo errore: considerare gli altri il Terzo Mondo. Tra il Terzo Mondo e il Primo Mondo (l’Occidente) c’è uno spazio di incontro nel quale né l’uno né gli altri sono primi o ultimi, ma nel quale si costruisce il rispetto e, forse, la pace.

Il rispetto, cioè comprendere che ci sono culture (e si deve considerarle tali non come costrizione ma perché è un dato di fatto) che si costituiscono in maniera propria, non diversa ma propria, che cioè fondano il proprio destino sulla propria storia. Non è corretto, oggi, affermare come spesso si sente se vengono qui devono vivere come noi, perché essi devono vivere con noi.

Dimentichiamo spesso in Occidente che molte delle nostre conquiste e ricchezze si devono ai Paesi con i quali non vogliamo confrontarci, ma cui vogliamo imporre il nostro destino dimentichi che hanno un destino loro che talvolta ci accomuna, talaltra ci separa, ma che comunque fa di ciascuno ciò che è.

Interveniamo spesso sulla cultura degli altri non consentendo che la nostra sia toccata e tacendo sul fatto che le nostre interferenze hanno spesso causato la distruzione nelle terre che avevano già una loro cultura (che noi definiamo primitiva) ma che in molte sue forme conserva un’umanità e una spiritualità cui siamo disabituati.

Il territorio mondo ha oggi confini diversi, in realtà non ci sono più confini, questo è il viaggio che non possiamo trascurare: il viaggio dentro l’Uomo, che significa viaggiare nel suo spazio, nel suo tempo, nella sua narrazione personale. 

Questo è incontrarsi senza odiarsi, questo è conoscersi senza giudicarsi, questo è vivere insieme con la consapevolezza di essere tutti il popolo della terra.

Non si può tornare indietro. Ci sono viaggi dai quali non c’è ritorno anche se torni, perché puoi non trovare più le persone o vuoi non trovarle o almeno non puoi più trovarle come prima. Nulla è più come prima. Più semplicemente, quando si torna non si è più gli stessi né lo sono le persone che hai lasciato. Nulla può più essere come prima, tra il prima e il dopo c’è la vita. Non sempre è un male, ma bisogna avere il coraggio di accettare il cambiamento per capirlo. 

Se ci si aspetta che tutto sia uguale, la delusione che segue ha risvolti drammatici oltre che indesiderati.  Il viaggio cambia, guai se non fosse così, a che servirebbe viaggiare? 

Il viaggio è la vita e la vita modifica e si modifica. 

 

Un pensiero su “All Animals Are Equal

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.