Living like the Heliotrope, Also Known as “Sunflower”

Live like in a dream … die like in a video game … separated from reality in the atrocious beauty and pain of life and death, without understanding anything either of one or the other.
What is the reality?
A time made of contrasting contrasts even among them; a time made up of voices that blather and accuse even themselves, but without realizing it; a time made of silence without listening; a time, finally, timeless because the here and now eternally propagate without perspective or memory.
Like the heliotrope, also called “sunflower”.
We always show our face turned towards the sun, higher and higher to receive splendor by hiding the rotting leaves of the madness that spreads to our very feet and that we do not step on but feed, since we nourish the splendid corolla that peeps and envies the sun stealing heat without returning life.
We live only for a secret and obscure enjoyment that lives and dies only for us, while the nectar of the life of those around us is wasted in the tormented trampling of putrescent leaves and roots that never see the light.
This is how it is lost, it bends its head at nightfall, humiliated and tired from the tension towards a sky that does not want us.
Like the heliotrope, otherwise called sunflower.
Dark wars, fought on both sides, darken the light and offend the shadows.
Wars marked by mortar shells, flags waved in the name of a state that does not exist, but that performs its function of terror by feeding on the fear of those who make it real and strong and amplifies its power by dispersing the deep values ​​on which, at one time, a democracy was founded.
Many lost their lives for those values ​​in which we no longer believe; for this reason it is easier to give in to torment by playing the game of those who can profit from our insecurity which is already a defeat.
Wars marked by abuse and violence. Internal wars, these, hidden in the whirlwind of external events that overwhelm us making the outside appear more dangerous than the inside while it is from inside that the present is undermined and gates are dug so that what is outside can cross the threshold and master.
Wars still marked by the difference between “who I am” and “who you are”; wars in which, in our imagination, the other is always the enemy, while the seed of evil and decay lies in the loss of a sense and a collective conscience that involves without excluding and that marks the step of a new time in which the other is already next to us and not to defraud us but to share the meaning of his experience.
Wars that undermine the freedom and trust of those who rely on the promise of good for all, of the thought-free, different from the free thought, and who decimate and threaten from within those trusting citizens who seek only to be guided to the good as a value and not as useless and wasted sentimentality.
Wars that are stained with victims and perpetrators, with suicides and murderers, with rapes and violations, with death that chases death to the point that one can doubt that life still exists and that it is merciful.
Instead, we should remember that the presence of the other reminds us of the very meaning of existence, of the common matrix of a life that cannot melt into distance and separation, but asks to be merciful to one another and to the earth that hosts us because we are all part and only “one” part.
Open the doors, to emphasize that elsewhere exists and that it is not different from the here and now, sharing the same time, the same sense, the same needs, the same pains, the same desire to appear or be, the same difficult choices , the same courage or fear of being alone.
To discover, finally, that one cannot live as a heliotrope, otherwise known as “sunflower”, but that somewhere one must start again!
It is expected to always be somewhere else, but that moment, that space, that direction can only be here and now.
To live with honesty, dedication to people and situations is to be present at one’s own time, to witness its lucidity and madness, to be part of a possible revolution.
There are those who hope for a better life suspended on a slight thread; those who know they risk losing even their last breath, but do not stop because the thought of being able to have a wider breath makes their hearts beat in a distant elsewhere, however near, in a new space for what is already known, in a imprecise time for what has already been written.
Thus, crossing the border suspended by that thread, the pass is slow and tired; the heart knows that it has left, but does not know if and when it will arrive.
Leaving is life … it takes courage to start knowing that you can’t get there, but that journey is already the goal, the conquest of a freedom otherwise forbidden, the possibility of a life that does not go out without trying to be lived.
It takes courage to leave, it takes courage to die, it takes courage to live.
If you’re hanging by a thread, what do you do? Are you still waiting for the thrust you throw down? Or do you go on, step by step, because hoping to arrive is already a victory?
The meaning of the journey is the journey, nothing more will ever be like before … in life as in death, in silence as in the story, in a smile as in tears, in a cry of joy as in the song of farewell … but never as a heliotrope, solitary even in the crowd of like-minded people that surrounds him and on which he tries to rise.
No more heliotrope, otherwise called sunflower, but man, otherwise called “person”.

 

Vivere come in un sogno… morire come in un videogioco… separati dalla realtà nell’atroce bellezza e dolore della vita e della morte, senza capire nulla né dell’una né dell’altra.
Qual è la realtà?
Un tempo fatto di contrasti contrastanti persino tra loro; un tempo fatto da voci che blaterano e accusano persino se stesse, ma senza avvedersene; un tempo fatto di silenzio privo di ascolto; un tempo, infine, senza tempo perché il qui e ora si propaga in eterno senza prospettiva né memoria.
Come l’eliotropo, altrimenti detto “girasole”.
Mostriamo la nostra faccia sempre rivolta verso il sole, sempre più in alto per ricevere splendore nascondendo le foglie marcescenti della follia che dilaga ai nostri stessi piedi e che non calpestiamo ma alimentiamo, poiché di essa nutriamo la corolla splendida che fa capolino e invidia il sole rubandone il calore senza ricambiare la vita.
Di vita ci nutriamo solo per un godimento segreto e oscuro che vive e muore solo per noi mentre il nettare della vita di chi ci circonda va sprecato nel tormentato calpestio delle foglie putrescenti e delle radici che non vedono mai la luce.
E’ così che si perde, si china il capo al calar della sera, umiliati e stanchi per la tensione verso un cielo che non ci vuole.
Come l’eliotropo, altrimenti detto girasole.
Guerre oscure, combattute da una parte e dall’altra oscurano la luce e offendono le ombre.
Guerre scandite da colpi di mortaio, di bandiere sventolate in nome di uno stato che non esiste, ma che svolge bene la sua funzione di terrore alimentandosi della paura di chi lo rende reale e forte e ne amplifica il potere disperdendo i valori profondi sui quali, un tempo, una democrazia fu fondata.
In tanti persero la vita per quei valori in cui non crediamo più; per questo è più facile cedere al tormento facendo il gioco di chi possa trarre profitto dalla nostra insicurezza che è già una sconfitta.
Guerre segnate dai soprusi e dalle violenze. Guerre interne, queste, nascoste nel turbinio di eventi esterni che ci sovrastano facendo apparire l’esterno più pericoloso dell’interno mentre è dall’interno che si mina il presente e si scavano varchi affinché ciò che è fuori possa varcare la soglia e padroneggiare.
Guerre segnate ancora dalla differenza tra “chi sono io” e “chi sei tu”; guerre in cui, nel nostro immaginario, l’altro è sempre il nemico, mentre il seme del male e del disfacimento giace nella perdita di un senso e di una coscienza collettiva che coinvolga senza escludere e che segni il passo di un nuovo tempo in cui l’altro è già accanto a noi e non per defraudarci ma per condividere il senso del suo vissuto.
Guerre che lordano la libertà e la fiducia di chi si affida alla promessa di bene per tutti, di pensiero libero, diverso dal libero pensiero, e che decimano e minacciano dall’interno proprio quei cittadini fiduciosi che cercano solo di essere guidati al bene come valore e non come sentimentalismo inutile e sprecato.
Guerre che si macchiano di vittime e carnefici, di suicidi e assassini, di stupri e violazioni, di morte che insegue la morte al punto che si possa dubitare che esista ancora la vita e che essa sia misericordiosa.
Dovremmo ricordare, invece, che la presenza dell’altro ci richiama al senso stesso dell’esistenza, alla matrice comune di una vita che non può sciogliersi nella distanza e nella separazione, ma chiede di essere misericordiosi gli uni verso gli altri e verso la terra che ci ospita perché tutti siamo parte e solo “una” parte.
Aprire le porte, per sottolineare che l’altrove esiste e che non è diverso dal qui e ora, condividendo lo stesso tempo, lo stesso senso, le stesse esigenze, gli stessi dolori, lo stesso desiderio di apparire o essere, le stesse scelte difficili, lo stesso coraggio o la paura di essere soli.
Scoprire, infine, che non si può vivere come un eliotropo, altrimenti detto “girasole”, ma che da qualche parte bisogna pur ricominciare!
Ci si aspetta che sia sempre da un’altra parte, ma quel momento, quello spazio, quella direzione non può che essere qui e ora.
Vivere di onestà, dedizione alle persone e alle situazioni è essere presenti al proprio tempo, testimoniarne la lucidità e la follia, essere parte di una rivoluzione possibile.
Sospeso a un lieve filo c’è chi spera in una vita migliore; chi sa di rischiare di poter perdere anche quel suo ultimo respiro, ma non si ferma perché il pensiero di poter avere un respiro più ampio fa battere il cuore in un altrove lontano per quanto vicino, in uno spazio nuovo per quanto già noto, in un tempo impreciso per quanto già scritto.
Così, si varca il confine sospesi a quel filo, il passo è lento e stanco; il cuore sa di essere partito, ma non sa se e quando arriverà.
Partire è la vita… ci vuole coraggio a partire sapendo di poter non arrivare, ma quel viaggio è già la meta, la conquista di una libertà altrimenti vietata, la possibilità di una vita che non si spenga senza provare a essere vissuta.
Ci vuole coraggio a partire, ci vuole coraggio a morire, ci vuole coraggio a vivere.
Se sei sospeso a un filo, cosa fai? Resti immobile aspettando la spinta che ti butti giù? O prosegui, passo dopo passo perché sperare di arrivare è già una vittoria?
Il senso del viaggio è il cammino, nulla più sarà mai come prima… nella vita come nella morte, nel silenzio come nel racconto, nel sorriso come nel pianto, in un grido di gioia come nel canto dell’addio… ma mai come un eliotropo, solitario pur nella folla di simili che lo circonda e sui quali prova a ergersi.
Non più eliotropo, altrimenti detto girasole, ma uomo, altrimenti detto “persona”.

3 pensieri su “Living like the Heliotrope, Also Known as “Sunflower”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.