Visible Invisibility

Who knows, perhaps the need for visibility actually makes us more inaccessible and invisible, since it responds to the silence of those who are willing to make any compromise in order to have an infinitesimal instant of notoriety.

Famous not because something good or bad has actually been done; famous not because they can be imitated; famous not because a new discovery has put us on display; famous as excellent interpreters of the new fashion history: the ability to denigrate the others. Famous only because they are invisible and unknown; famous because they cowardly put whatever on display without any reflection just to be seen; famous because unable to interpret a personal story, unable to write it and live it; famous because if it is true that All the world’s a stage as W. Shakespeare announces in his As You Like It, it is also true that often we choose to be only secondary characters  in our existence just to be there , just to be visible beyond the invisible.

They do not surprise but disgust those I like under the post of a murderer who makes his crime public. Not surprising but disgusting the femicide itself, as well as any form of violence. Not surprisingly, that network is used to offend and denigrate, unseen, all the unreachable who become victims and who often don’t even know it. Not surprisingly, the need for visibility exploits anything at any cost, even to satisfy the search for notoriety, even clinging to the necrofama, that is, to the notoriety acquired through the ostentation of crime as well as the complicity submerged in the crime itself. In the time of temporary necessities, of the illusion of visibility, the microfama that starts and goes out at the moment in which it manifests itself may suffice to satisfy the need to be seen… which means being alive. This disgusts a lot and worries more, but it’s not surprising at a time when all the most private feelings and emotions are put on the streets with the illusion of being shared.

Everything becomes the equivalent of a stunt and I am sure that if you questioned those who have marked their liking, I like it, in a post or in the other in which there is an invisible evil whose wounds are however visible, many would say that they didn’t even realize that it was a true declaration of intent and action. Yes, because on the net everything grows and is amplified beyond measure and without reflection. The truth may seem false and the true false … the important thing is to have been part of it, I like it. This is outrageous and disgusting in a time when nothing scandalizes us anymore, in which the computer screen appears to protect us from every consequence … there are no consequences, so much is everything a game, how to prove that it was not? Of course, there is the tormented corpse of yet another woman, but the hand has moved the murderer, not those who with a simple click or touch have become co-responsible for the silence and emptiness of a tragedy that will never end in the life of those who loved that woman. What remains in the life and experience of those who have participated in sharing it with a like? Nothing, now the screen is off, the video game has ended and who cares who won or lost, it was just a game.

Here, this is the visible invisibility of those who, as Hannah Arendt taught us, make evil banal, that is, common, made through the common strategies of life. Evil is banal and reproducible, emulable, sadly repeatable without reflecting too much. Philip Zimbardo, a psychologist who carried out an experiment to explain how it was possible to get involved in evil and reproduce it without feeling responsible, explains in his The Lucifer Effect that we can all become bad without thinking we are, just believe that what we are doing is right because others have their reason. In a silent silence we participate in violence without realizing it because this is what we are asked to do. The illusion of being visible, of being part, gives the illusion of change, the illusion of having a role, the illusion of no longer being hidden … no matter how wrong it is, no matter how horror lies behind a comment on a post or a simple I like it. It is thought, mistaking, that not having challenged the weapon, not having seen the blood, not having heard the screams and the noises of the body that collapses, you are not responsible for it … instead a click or a touch is enough to make us not only guilty accomplices of the murder itself, but of the cultural force which that simple gesture entails.

It is not surprising but disgusts this visible invisibility, which is disgusting for every episode in itself and for the emulation it can cause. Not surprisingly but frightening  the idea that a new course is beginning in the perpetration of violence. Technologies, very useful tools for healthy minds, become violent and infallible weapons in the hands and in the thoughts of those who only want to show their power, so that they are visible, so that everyone knows that they have been able to offend, so that everyone knows how brave they can be. Meanwhile a person suffers and many like it.

We cannot and must not remain indifferent before this new turning point that violence has undertaken, that it is against women, men, homosexuals, children, foreigners, those who have a different political or social thought, a faith different … it cannot be allowed and action must be taken before it is too late, before it becomes a fad or an act of courage, before these bravadoes concretize their desire for microfama that turns life off and destroys its meaning.

 

Chissà, forse il bisogno di visibilità ci rende in realtà più inaccessibili e invisibili, poiché risponde al silenzio di chi è disposto a qualsiasi compromesso pur di avere un istante infinitesimale di notorietà. 

Noti non perché si sia fatto qualcosa di bene o di male concretamente; noti non perché imitabili; noti non perché una nuova scoperta ci abbia messi in mostra; noti perché ottimi interpreti della nuova storia di moda: la denigrazione dell’altro. Noti solo perché invisibili, e sconosciuti; noti perché vilmente ci si mette in mostra senza riflessione pur di essere visti; noti perché incapaci di interpretare una storia personale, incapaci di scriverla e di viverla; noti perché se è vero che All the world’s a stage (tutto il mondo è un palcoscenico) come W. Shakespeare annuncia nel suo As You Like It, è vero anche che spesso si sceglie nella propria esistenza di essere solo delle comparse pur di esserci, pur di essere visibili oltre l’invisibile.

Non sorprende ma disgusta il mi piace al post di un assassino che rende pubblico il suo crimine. Non sorprende ma disgusta il femminicidio in sé, come pure qualsiasi forma di violenza. Non sorprende che si usi la rete per offendere e denigrare, non visti, tutti gli irraggiungibili che diventano vittime e che spesso neanche lo sanno. Non sorprende perché il bisogno di visibilità sfrutta qualsiasi cosa a qualsiasi costo, pur di soddisfare la ricerca di notorietà ci si aggrappa persino alla necrofama, cioè alla notorietà acquisita attraverso l’ostentazione del crimine come pure la complicità sommersa al crimine stesso. Nel tempo delle necessità provvisorie, dell’illusione di visibilità, la microfama che inizia e si spegne nell’attimo in cui si manifesta può bastare a soddisfare il bisogno di essere visti… il che significa essere vivi. Questo disgusta molto e preoccupa di più, ma non sorprende in un’epoca in cui tutti i sentimenti e le emozioni più private vengono messe in piazza con l’illusione di essere condivise.

Tutto diviene l’equivalente di una bravata e sono certa che se si interrogassero coloro che hanno segnato il loro gradimento, mi piace, in un post o nell’altro in cui si fa del male invisibile le cui ferite sono però visibili, molti direbbero che neanche si sono accorti che era una vera dichiarazione di intenti e azione. Già, perché in rete tutto cresce e si amplifica a dismisura e senza riflessione. Il vero può sembrare falso e il falso vero… l’importante è esserne stati parte, mi piace. Questo è scandaloso e disgustoso in un tempo in cui nulla più ci scandalizza, in cui lo schermo del computer appare proteggerci da ogni conseguenza… non ci sono conseguenze, tanto è tutto un gioco, come dimostrare che non lo fosse? Certo, c’è il cadavere straziato dell’ennesima donna, ma la mano l’ha mossa l’assassino, non quelli che con un semplice click o touch si sono resi corresponsabili del silenzio e del vuoto di una tragedia che non avrà più fine nella vita di chi quella donna la amava. Cosa resta nella vita e nell’esperienza di chi ha partecipato la sua condivisione con un mi piace? Niente, ora lo schermo è spento, il video game si è concluso e che importa chi abbia vinto o perso, tanto era solo un gioco.

Ecco, questa è la visibile invisibilità di chi, come ci ha insegnato Hannah Arendt, rende il male banale, cioè comune, fatto attraverso le comuni strategie della vita. Il male è banale e riproducibile, emulabile, tristemente ripetibile senza che ci si rifletta troppo. Philip Zimbardo, psicologo che attuò un esperimento per spiegare come fosse possibile restare coinvolti nel male e riprodurlo senza sentirsene responsabili spiega nel suo L’effetto Lucifero che tutti possiamo diventare cattivi senza pensare di esserlo, basta credere che quello che stiamo facendo sia giusto perché altri ne hanno motivo. Nella silenziosa omertà partecipiamo della violenza senza rendercene conto perché questo è quanto ci viene chiesto. L’illusione di essere visibili, di essere parte, dà l’illusione del cambiamento, l’illusione di avere un ruolo, l’illusione di non essere più nascosti… non importa quanto sbagliato sia, non importa quanto orrore si nasconda dietro un commento su un post o un semplice mi piace. Si pensa, errando, che non avendo impugnato l’arma, non avendo visto il sangue, non avendo udito le urla e i rumori del corpo che crolla, non se ne sia responsabili… invece basta un click o un touch per renderci complici colpevoli non solo dell’omicidio in sé, ma della forza culturale che quel semplice gesto comporta.

Non sorprende ma disgusta questa visibile invisibilità, disgusta per ogni episodio in sé e per l’emulazione che può provocare. Non sorprende ma fa paura l’idea che un nuovo corso stia iniziando nella perpetrazione della violenza. Le tecnologie, utilissimi strumenti per le menti sane, divengono armi violente e infallibili tra le mani e nel pensiero di chi vuole solo esibire il proprio potere, perché sia visibile, perché tutti sappiano che si è stati capaci di offendere, perché tutti sappiano quanto coraggiosi si possa essere. Intanto una persona soffre e a molti piace. 

Non si può e non si deve restare indifferenti dinanzi a questa nuova svolta che la violenza ha intrapreso, che sia contro le donne, gli uomini, gli omosessuali, i bambini, gli stranieri, quelli che hanno un pensiero politico o sociale diverso, una fede diversa… non si può consentire e bisogna intervenire prima che sia troppo tardi, prima che diventi una moda o un atto di coraggio, prima che queste bravate realizzino quel desiderio di microfama che spegne la vita si spegne e ne distrugge il significato.

3 pensieri su “Visible Invisibility

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.