Gentleness Is Never Weakness

Modern societies have get us used to fighting whatever its reason, whatever its correctness and appropriateness. Fighting for fighting, not fighting for a cause to fight for.

Fighting has become a physical need or, however, a fighting based on power and strength not on ideas and meanings. That is, people fight because fighting gives them the idea they are working for something and that this something is able to make them stronger than the others.

Yet, if you dug deeper, you would certainly discover that this kind of fighting leads to nothing because it only opens the road to new as well useless fights to conquer the nothingness which surrounds those people who do not use their gentle mind to lead their meaningful battles that are not made of demonstration of power but of intelligence and sense.

Each one has to fight during its life, but there is battle that only gentleness and sobriety can win, it is the battle to asses humanity in contrast with a deliberate refusal of its existence.

Gentleness is never weakness, on the contrary instead, it is the instrument and the resource of those who use their intelligence to cope with the problems and issues of a life they could not live without sharing its meaning with the others.

If we learnt to use gentleness in any relationship we would teach our times to earn the meaning of life itself, its essence, and not to lose its sense following those useless fighting which change life in its surrogate and people in slaves of no-sense.

 

Le società moderne ci hanno insegnato a combattere per qualsiasi motivo, qualsiasi ne sia la correttezza e appropriatezza. Combattere per combattere, non combattere perché ci sia una causa per cui combattere.

Combattere è divenuto un bisogno fisico o, comunque, una lotta basata sul potere e sulla forza non per delle idee e dei significati. Cioè, le persone combattono  perché il combattimento dà loro l’idea che stiano lavorando per qualcosa e che questo qualcosa possa renderli più forti degli altri.

Tuttavia, se si scavasse più a fondo, si scoprirebbe di certo che questo tipo di lotta porta a nulla poiché apre solo la strada a nuove quanto inutili lotte per conquistare il nulla che circonda quelle persone che non usano il pensiero gentile per condurre le loro battaglie significative che non sono fatte di dimostrazioni di potere, ma di intelligenza e di senso.

Tutti devono lottare durante la propria vita, ma c’è una battaglia che solo la gentilezza e il pudore possono vincere, è la battaglia per accertare l’umanità in contrasto con il rifiuto deliberato della sua esistenza.

La gentilezza non è mai debolezza, al contrario invece, essa è lo strumento e la risorsa di coloro che usano la propria intelligenza per affrontare i problemi e le problematiche di una vita che non potrebbero vivere senza condividerne il significato con gli altri.

Se imparassimo a usare la gentilezza in ogni relazione insegneremmo alla nostra epoca a guadagnare il significato stesso della vita, la sua essenza, e non a perdere il senso seguendo quegli inutili combattimenti che cambiano la vita nel suo surrogato e le persone in schiave del no-sense.

 

 

Annunci

Un pensiero su “Gentleness Is Never Weakness

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.