The Emptied Story

I don’t see your emptiness, but I look at your fullness and, in the memory of what might have been, I lull the child you were and the man you are.

There is so much emptiness not to fill as if you fill a goatskin withered  by the dryness of time, but to give the right words to be told.

Because a void is never just emptiness and absence, a void is filled with the pain and loneliness that has dug the dried-up walls of an abandoned heart.

Therefore, no matter your emptiness, but the fullness that you will work to build in the docile fullness of your sharing.

Courage, my friend, do not look after the space without time or substance that has denuded and emptied you, but embrace and welcome the time that, caressing you, smiles gently at your emptiness, while it loves the courage of your full.

No one is lost, no one is branded or tarnished by his own difference, no one is deceived by that self who reveals himself and who courageously gives voice to his life.

I see your empty picture, but I don’t look at the white image you pretend to show. I know your depth and I can see on the canvas the magic dreams of your being which come to life.

 

Non vedo il tuo vuoto, ma osservo il tuo pieno e, nella memoria di ciò che avrebbe potuto essere, cullo il bambino che eri e l’uomo che sei.

C’è tanto vuoto non da colmare come se si riempisse un’otre inaridita dalla secchezza del tempo, ma cui dare le parole giuste per raccontare.

Perché un vuoto non è mai solo vuoto e assenza, un vuoto è pieno del dolore e della solitudine che ha scavato le pareti rinsecchite di un cuore abbandonato.

Allora, non importa il tuo vuoto, quanto quel pieno che ti adopererai a costruire nella pienezza docile della tua condivisione.

Coraggio, amico mio, non badare allo spazio senza tempo né sostanza che ti ha denudato e svuotato, ma abbraccia e accogli il tempo che, accarezzandoti, sorride con dolcezza al tuo vuoto, ma ama il coraggio del tuo pieno.

Nessuno è perso, nessuno è marchiato o infangato dalla propria differenza, nessuno è ingannato da quel se stesso che si rivela e che con coraggio dà voce alla sua vita.

Vedo il tuo quadro vuoto, ma non osservo l’immagine vuota che fingi di mostrare. Conosco la tua profondità e riesco a vedere sulla tela i sogni magici del tuo essere che prendono vita.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.