It’s Our Home, Our Breath, Our Life

The picture is from https://www.bbc.com/news/world-latin-america-49452789, while the video is from https://www.theguardian.com/environment/2019/aug/23/ireland-could-oppose-trade-deal-brazil-fails-stop-amazon-fires-leo-varadkar

 

The Amazon Forest is not only a reservoir of wood and leaves and animals and water; it is a home, our home although we live far from it and probably we will never visit it.

It is the secret shelter of our future, possibly the last one remained to remind us the Earth needs to breath.

The Amazon Forest is not the romantic vision of a savage world, it is the preservation of the life we should have shared as well as protected.

Unfortunately, the so-called first world to differentiate western societies from the presumed third world (what about an invisible and never named second world where the apparent development is only apparent?), this first world has never focused its attention on the preservation of nature as a fundamental resource to life nor it has understood the value of a long term vision in order to preserve life on the Earth.

Today, the forest burns making ashes of everything it includes, but also of everything which, outside its flames, will report the consequences of this terrible disaster. I don’t know if the Earth will have the strength to resurrect from its ashes this time. What I know is that regardless its strength or less, human beings have lost another occasion to look after of life in its multiple and multiform expression.

We have lacked the occasion to take care of life, this is a terrible guilt.

In Spanish they use a word acudir that corresponds to the Italian accudire, it means to hasten to take care of someone or something. It means to be alert and aware. We missed this opportunity, I hope others will come, but let’s become consciously involved in this awake of responsibility which starts every day and never stops at night.

Today, be my and your tears the drops of pain concerned to seed the seeds of life.

 

L’immagine è  presa da: https://www.bbc.com/news/world-latin-america-49452789,  il video è preso da: https://www.theguardian.com/environment/2019/aug/23/ireland-could-oppose-trade-deal-brazil-fails-stop-amazon-fires-leo-varadkar

 

La Foresta dell’Amazzonia non è solo una riserva di legno e foglie e animali e acqua; essa è una casa, la nostra casa, sebbene viviamo lontani e probabilmente non la visiteremo mai. 

Essa è il rifugio segreto del nostro futuro, possibilmente l’ultimo rimasto a ricordarci che la Terra ha bisogno di respirare.

La Foresta dell’Amazzonia non è la visione romantica di un mondo selvaggio, essa è la conservazione della vita che avremmo dovuto condividere e proteggere.

Sfortunatamente, il così detto primo mondo per differenziare le società occidentali da un presunto terzo mondo (che dire di quel secondo mondo invisibile e mai nominato dove lo sviluppo apparente resta solo apparente?), questo primo mondo non ha mai concentrato la propria attenzione sulla conservazione della natura quale risorsa fondamentale alla vita, né ha compreso il valore di una visione a lungo termine allo scopo di preservare la vita della Terra.

Oggi, la foresta brucia rendendo cenere tutto ciò che contiene, ma anche tutto ciò che, fuori dalle sue fiamme, racconterà le conseguenze di questo terribile disastro. Non so se la Terra avrà la forza di risorgere ancora dalle sue ceneri questa volta. Ciò che io so è che a prescindere dalla sua forza o meno,  gli esseri umani hanno perso un’altra occasione di curarsi della vita nelle sue  espressioni molteplici e multiformi.

Abbiamo mancato all’occasione di prenderci cura della vita, questa è una colpa terribile.

In spagnolo si usa la parola acudir che corrisponde all’italiano accudire, che significa affrettarsi a prendersi cura di qualcuno o di qualcosa. Significa stare in allerta e consapevoli. Abbiamo perso questa opportunità, spero che ne verranno altre, ma diventiamo coscientemente coinvolti in questo risveglio di responsabilità che comincia al mattino e non si ferma la sera.

Oggi, che le mie e le vostre lacrime siano le gocce di dolore che seminano semi di vita.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.