Dream of Freedom

I dreamt of an eagle and I wasn’t afraid.

Lonely animal, proud and fierce, beautiful and cruel.

What is the war you are fighting suspended between the land and the sky, between the deep water of the dark sea and the foggy air of the clouds which share the same breath?

What is the distance between the ocean and the sky in your awake and alive gaze?

What is the fate your gaze is sharing, what the sign which draws your flying?

Who are you in the heartbeat of my breath, who are you in the silence of my heart, who are you who walk next to me alone because alone we are to walk the distance between essence and appearance, alone to love what no one loves, alone to die in the whispers of those who have been forgotten, alone to support the smiles of those who are shy, alone to laugh at the false promises, alone to share the silent passions of those who are still here as well as of those who have gone.

Lonely eagle, free and proud of the love you give,

you abandoned, followed, forgiven, asleep…

You, deprived of your life and death, of dreams and breath, of time and space, of sense and destination…

Fly next to me, I need you.

 

Ho sognato un aquila e non ho avuto paura.

Animale solitario, fiero e feroce, bello e crudele.

Qual è la guerra che stai combattendo sospeso tra la terra e il cielo, tra l’acqua profonda dell’oscuro mare e la nebbiosa aria delle nuvole che condividono lo stesso respiro?

Qual è la distanza tra l’oceano e il cielo nel tuo sguardo sveglio e vivo?

Qual è il destino che il tuo sguardo condivide, quale il segno che dipinge il tuo volo?

Chi sei tu nel battito del mio respiro, chi sei tu nel silenzio del mio cuore, chi sei tu che cammini da sola accanto a me perché da sole siamo a percorrere la distanza tra essenza e apparenza, da sole ad amare ciò che nessuno ama, da sole a morire nei sospiri nei sospiri di coloro che sono stati dimenticati, da sole a sostenere i sorrisi dei timidi, da sole a ridere delle false promesse, da sole a condividere le passioni silenziose di coloro che sono ancora qui come di quelli che non ci sono più.

Aquila solitaria, libera e fiera dell’amore che doni,

tu abbandonata, seguita, perdonata, addormentata…

Tu, privata della vita e della morte, dei sogni e dei respiri, del tempo e dello spazio, del senso e della meta…

Vola accanto a me, ho bisogno di te.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.