RECIPROCITA’

This is my speech at an interesting meeting (Centro Agape, 17th March 2019) about “Reciprocity” to discuss about the role of genres in the modern societies.

<<When they ask me if I am feminist, which is not rare, I always say that I am a woman and that, as such, I cannot but be a feminist, I mean a person who is aware of her rights, of the gaps and the full of a prejudicial way of imagining the woman. This means avoiding labels that fossilize and prioritize a dialogue and comparison space that is needed today because of  the problems of violence we know well and not just for those.

Yet, we cannot talk about cultural problems imprisoning men and women in stereotypes, nor we can speak of overcoming gender violence without changing both man and woman behaviors; until men stop thinking about possession and women to consider themselves as prey. It is necessary, however, to have a sort of < < democracy of two > >  that is possible through a relationship of reciprocity.

I want to talk to women and men together because it is together that the value of that reciprocity which means < < conscious, free and continuous, responsible interchange > > is perceived and it has not to be confused with complementarity, important but limiting and limited in time if not in the moment of your need.

No one shall complement the other or be his completion; each one is complete in itself. Complementarity is a vision with a certain charm, but it is misleading because it is assumed that people “are useful” to give the other what they lack; the other becomes their complement, a part of complementary self that can be removed and without changing the role of the subject that is taking action. In a complementary relationship, what happens to the rest of the self? What’s the end? How does it come back to being when that part of itself is no more useful anymore?

The relationship of reciprocity, however, does not provide that man or woman will give up their own special features, but consciously the use of them to continue and renew, thanks to the meeting with the other, all the others.

If the man/woman relationship were to be based on complementarity, the strong point of the report would not be the integral person, but a part of its characteristics. Then there would be no conflict, because what is missing one has the other. The conflicts, though, are there. Complementarity is even inevitable, but it always is, even within the same genre or in relationships between different generations. It is the reciprocity in the gender relationships that allows and welcomes through the differences to open to the sharing of the total person. While complementarity presupposes a difference that is made distance, reciprocity feeds on the differences to establish new rules of encounter, dialogue, new passions, even new fears, why not.

That is why we need to talk together. It seems obvious, but often escapes: << a war between the sexes >> is impossible, because men and women are bound by the feeling of love that still we have not been able to sublimate, that is to raise it in order to resolving conflicts.

Instead, every genre should learn to oppose to himself to feed its own becoming, which goes well beyond the chatting of people among women and men separately.

The awareness of women’s rights is not a speech << by Women>> or <<of women>>. To claim the right to subjectivity, that is to be themselves, and to woman’s personal freedom without defining objective rights, is not a solution. The solution is not in the conflict by itself or in the theoretical definition according to law, but what this means in the real life. Only if we are aware of who we are and what we want, men and women, can speak of reciprocity. Men and women must speak of their own identity, conscience, sensibility, and, above all, they must learn to listen: this is the revolution. Not men who speak and only listen to themselves, nor women who want to assert themselves by riding male stereotypes, but relationships that are based on an ethical alliance.

Conflicts are not unnatural, it is unnatural that they will be resolved without an ethic of the report. For example, Man must stop considering the love of women as a < < family and civil duty >>, I mean respect to him and respect to society, because this involves the idea of possession and submissions, and, unfortunately, we know the consequences.

It is not true that love for a woman is a duty, it is a choice, that is a decision that undertakes her subjectivity and identity, all her own being to make it objective and sharing. The same must happen for the man: it means to be US.

The relationship of reciprocity helps to overcome individualism and recognize ethical law to existing in front of it  the hierarchical power diminishes  because the right is about people and not the things, it invites to invest in themselves and not on goods.

The woman is not complementary nor the man is; in the relationship it is not required to complete each other, but to be, to choose, to accompany, to relate to each uniqueness and diversity. The woman is not defined as OTHER, but as a woman (and every woman is not but ONE woman), I mean as an identity. The same goes for man.

Woman and man must implement their mutual RECOGNITION, they must be able to recognize their own and the other identity and dignity: I mean, YOU ARE NOT THE  EVERYTHING and I AM NOT THE EVERYTHING.

RECOGNIZING  is respecting and sharing of each the mystery in becoming, because it is the becoming of the other that also allows our own becoming without betraying our story, but by remaining and letting the other one be>>.

 

Quando mi chiedono se sono femminista, il che non è raro, rispondo sempre che sono donna e che, in quanto tale, non posso non essere anche femminista, cioè persona che è consapevole dei propri diritti, dei vuoti e dei pieni di un modo pregiudizievole di immaginare la donna. Questo significa evitare etichette che fossilizzano e privilegiare uno spazio di dialogo e confronto necessario proprio oggi con i problemi di violenza e che conosciamo bene e non solo.

Eppure, non si può parlare dei problemi culturali che imprigionano gli uomini e le donne nei noti stereotipi, né di superamento della violenza di genere senza modificare i comportamenti di entrambi, fin a quando gli uomini non smettono di pensare al possesso e le donne a considerarsi prede. È necessaria, invece, una sorta di <<democrazia a due>> che diviene possibile tramite una relazione di reciprocità.

Voglio parlare alle donne e agli uomini insieme perché è insieme che si può percepire il valore di quella reciprocità che significa <<scambio consapevole, gratuito e responsabile continuo>> da non confondere con la complementarietà, importante ma limitante e limitata nel tempo se non nell’attimo del suo bisogno..

Nessuno deve essere complemento dell’altro né suo completamento; ciascuno è completo in sé. La complementarietà è una visione con un certo fascino, ma è ingannevole poiché presume che le persone “servano” a dare all’altro ciò che gli manca; l’altro diviene il complemento del proprio io, una parte di sé complementare che si possa togliere e mettere senza modificare il ruolo dell’io soggetto che compie l’azione. In una relazione complementare, che cosa accade del resto di sé? Che fine fa? Come si ritorna a essere quando quella parte di sé non serve più?

La relazione di reciprocità, invece, non prevede che l’uomo o la donna cedano le proprie peculiarità, ma consapevolmente le impieghino affinché esse proseguano e si rinnovino grazie all’incontro con l’altro, tutti gli altri.

Se la relazione uomo/donna dovesse basarsi sulla complementarietà, il punto di forza della relazione non sarebbe la persona integrale, ma una parte delle sue caratteristiche. Allora non ci sarebbero conflitti, poiché ciò che manca l’uno lo ha l’altro. I conflitti, però, ci sono. La complementarietà è persino inevitabile, ma lo è sempre, anche all’interno dello stesso genere o nelle relazioni tra generazioni diverse. È la reciprocità nelle relazioni di genere che consente e accoglie attraverso le differenze per aprire alla condivisione della persona totale. Mentre la complementarietà presuppone una differenza che si fa distanza, la reciprocità si alimenta delle differenze per stabilire nuove regole di incontro, di dialogo, nuove passioni, anche nuovi timori, perché no.

Per questo è necessario parlare insieme. Sembra ovvio, ma spesso sfugge: <<una guerra tra i sessi>> è impossibile, perché gli uomini e le donne sono vincolati dal sentimento di amore che ancora non si è stati capaci di sublimare, cioè di innalzare a valore risolutivo dei conflitti.

Invece, ogni genere deve imparare a opporsi a se stesso per nutrire il proprio divenire, il che va ben oltre il parlarsi addosso che spesso si fa <<tra donne>> o <<tra uomini>>.

La consapevolezza dei diritti delle donne non è un discorso <<da donne>> o <<di donne>>. Rivendicare il diritto alla soggettività, cioè a essere se stesse, e alla libertà personale di donna senza definire i diritti oggettivi, non è una soluzione. La soluzione non è nel conflitto di per sé o nella definizione teorica di diritto, ma di che cosa questo significa nella vita reale. Solo se siamo consapevoli di chi siamo e che cosa vogliamo NOI, uomini e donne, si può parlare di reciprocità. Uomini e donne devono parlare della propria identità, coscienza, sensibilità, e, soprattutto, devono imparare ad ascoltarsi: questa è la rivoluzione. Non uomini che parlano e ascoltano solo se stessi, né donne che vogliono affermarsi cavalcando gli stereotipi maschili, ma relazioni che si basino su un’alleanza etica.

Non è innaturale la conflittualità, è innaturale che essa venga risolta senza un’etica della relazione. Per esempio, l’uomo deve smettere di considerare l’amore della donna come un <<dovere familiare e civile>>, cioè rispetto a lui e rispetto alla società, perché questo comporta l’idea di possesso e di sottomissione e, purtroppo, ne conosciamo le conseguenze.

Non è vero che l’amore per una donna sia un dovere, esso è una scelta, cioè una decisione che impegna la propria soggettività e identità, tutto il proprio essere affinché esso diventi oggettivo e condivisibile. Lo stesso deve accadere per l’uomo: questo significa essere NOI.

La relazione di reciprocità aiuta a superare l’individualismo e riconoscere il diritto etico di esistere dinanzi al quale il potere gerarchico si attenua perché il diritto riguarda le persone e non le cose, invita a investire su se stessi e non sui beni.

La donna non è complementare e non lo è l’uomo; nella relazione non è richiesto di completarsi ma di essere, scegliere, accompagnarsi, relazionarsi alla propri unicità e diversità. La donna non si definisce in quanto ALTRO, ma in quanto DONNA (e ogni donna non è che UNA donna), cioè in quanto identità. Lo stesso vale per l’uomo.

Donna e uomo devo attuare il reciproco RICONOSCIMENTO, devono cioè essere in grado di riconoscere la propria e l’altrui identità e dignità: cioè, TU NON SEI IL TUTTO E IO NON SONO IL TUTTO.

Riconoscersi è rispettarsi in quanto altro da sé e condividere di ciascuno il mistero in divenire, perché è il divenire dell’altro che consente anche il nostro senza tradire la propria storia, ma restando noi stessi e lasciando che anche l’altro lo sia.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.