Never Forget

Never forget who you are and to honor your free thought and your freedom to live and exist, but, remember, the same right belongs to others too.

Never complain your condition and cry for your sorrows, made them the active resource to keep yourself in touch with life and sense, but, remember, you shouldn’t complain the others for the same reasons… better to join your energies and built together a solution to your evils.

Never regret your story or hide it in silence however difficult it might have been, but, remember, none else should feel to disguise to be other than who he/she is in front of you and your judgement; indeed, through your sharing, you could all become better people.

The person you are is the fruit of your story, it is not a condemnation nor a prison unless you use it to justify guilts or to punish the others for their own.

There should be a balance between your blame and your sorrow, your negligence and your disapproval, your condemnation and your victories.

Life is never an hide-and-seek game, life is the truth of you which comes to me and welcomes mine own in order we both could breath its scent and taste its bitterness and sweetness as well.

Life is nothing more than a travel whose destination is not the end but the beginning of everything.

 

Non dimenticare mai chi sei e di onorare il pensiero libero e la tua libertà di vivere ed esistere, ma, ricorda, lo stesso diritto appartiene anche agli altri.

Non compiangerti mai per la tua condizione e non piangere mai per i tuoi dispiaceri, fa di essi la risorsa attiva per tenerti in contatto con la vita e il senso, ma, ricorda, non dovresti compiangere gli altri per le stesse ragioni… meglio unire le energie e costruire insieme una soluzione ai propri mali.

Non rammaricarti mai per la tua storia o non nasconderla mai nel silenzio per quanto difficile possa essere stata, ma, ricorda, nessun altro dovrebbe sentire di dover fingere di essere altro da ciò che è davanti a te e al tuo giudizio; in  realtà, attraverso la condivisione, potreste diventare persone migliori.

La persona che sei è il frutto della tua storia, non è una condanna né una prigione, a meno che tu la usi per giustificare le tue colpe o punire gli altri per le proprie.

Dovrebbe esserci un equilibrio tra la commiserazione e il dispiacere, la negligenza e la disapprovazione, la condanna e le vittorie.

La vita non è mai un gioco a nascondino, la vita è la verità di te stesso che mi raggiunge e che accoglie la mia verità affinché entrambi possiamo respirarne il profumo e assaporarne sia l’amarezza che la dolcezza.

La vita non è altro che un viaggio la cui destinazione non è la fine ma l’inizio di ogni cosa.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...