The Balance We Don’t Have

The balance we don’t have is the same we pretend on the other side. It is the perfection we don’t have the one we accuse the others to lack. It is the rule we don’t have the one we want the others to be governed by.

We are no more used to look inside ourselves, but we prefer to judge from the hight of our own prejudices what the other says or does. What we forget is that no prejudice is more than a falsity and that it has no real motivation if not our fear to deal with what we don’t know or understand.

This is the way in which we walk and play our game in life without any regard for a truth yet to be discovered or even researched. Nonetheless, that truth would be visibile to everybody if we only let our eyes to be open and our mind to be fulfilled by the life and the sense which are everywhere around us and that thanks to their existence and meaning they offer us an opportunity to continue to believe in our own sense and consistency.

Unfortunately, it seems we are to busy to hide ourselves behind a presumptuous but useless appearance rather than to admit our weakness and lack of any desire to live. Indeed, you know, the more we assault any difference refusing to welcome it, the more we make of our own difference the most unsurmountable wall and the largest precipice. It is there where we have lost the sense of our humanity as that of our reason to be.

 

L’equilibrio che non abbiamo è lo stesso che pretendiamo da parte degli altri. È la perfezione che non abbiamo quella di cui accusiamo gli altri di essere carenti. È la regola che non abbiamo quella che vogliamo governi gli altri.

Non siamo più abituati a guardare dentro noi stessi, ma preferiamo giudicare dall’alto dei nostri pregiudizi quello che gli altri dicono o fanno. Ciò che dimentichiamo è che nessun pregiudizio è più di un falso e che non ha una motivazione reale se non la nostra paura di relazionarci con ciò che non conosciamo o non comprendiamo.

Questo è il modo in cui percorriamo e mettiamo in gioco la nostra vita senza alcun riguardo per una verità ancora da scoprire o persino da ricercare. Nondimeno, quella verità sarebbe visibile a tutti se soltanto lasciassimo aperti i nostri occhi e la mente affinché si riempiano della vita e del senso che sono ovunque e che grazie alla loro esistenza e al loro significato ci offrono un’opportunità di continuare a credere nel nostro significato e nella nostra coerenza.

Sfortunatamente, sembra che siamo troppo impegnati a nasconderci dietro un’apparenza presuntuosa quanto inutile piuttosto che ammettere la nostra debolezza e la mancanza di qualsiasi desiderio di vivere. In realtà, si sa, più aggrediamo ogni differenza rifiutando di accoglierla, più facciamo della nostra differenza il muro più insormontabile e il precipizio più vasto. È lì che abbiamo perso il senso della nostra umanità come anche quello della nostra ragione di esistere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...