The secret secret…

I answer…

I’ve loved the mail I received yesterday from one of the readers of my books. I’ve loved and still do because it is a mail where his life melts to mine and they seem to have followed the shifting and waving of the time as if we were living two parallel lives. Who knows, maybe it is true.

I’ve loved this mail and still do because among the many exchanges of life, there is one main question which on one side is a compliment, and on the other it is the revelation of my same impulse to live however and whatever life is and will be: How is it possible you gave your books, both the essays and the novel, such a scent of life?36695436_1756037571176214_7218324901847891968_n

Wonderful! …the scent of life… Engaging! …the scent of life… Somewhat eternal! …the scent of life… Thank you!

Thank you for the question and for the definition which in itself is question and answer. I can because of the scent of life!

Words are my life, but I never abuse of them. They are the instruments that, because of duty or choice, I can employ to give a sense to my personal human research which never once has been or is out of the world, but inside the heart of the people’s heart.

I suppose this is the scent of life you can perceive. What I write is the wider experience of  other people who live their own existence for what it is asking nothing more than to be remembered.

Life is everywhere, we have forgotten to breath it because we have lost in individualism and closed in egoism. Outside ourselves there is the world we don’t want to see because we think we should be protected from it; however, it exists and if we don’t live it we will become strangers to ourselves and stop breathing the scent of life.

The stories to be told or the thought about life to be unveiled can be often difficult, even scaring, but these are our stories and it’s up to each of us to change it.

This is probably the scent of life you perceive. It is not only my own life, but the life worth living I can read everywhere around me despite the silence and the indifference which have reduced in slavery many of us.

Thank you, the rest privately.

 

Rispondo…

Ho amato la mail ricevuta ieri da uno dei lettori dei miei libri. L’ho amata e la amo perché perché è una mail dove la sua vita si mescola alla mia ed entrambe sembrano aver seguito lo spostamento e l’ondeggiamento del tempo come se avessimo vissuto due vite parallele. Chissà, forse è proprio così.

Ho amato e ancora amo questa mail perché tra i molti scambi di vita C’è una domanda principale che da una parte è un complimento, è la rivelazione del mio stesso impulso a vivere comunque e qualsiasi cosa la vita sia e sarà:  Come è possibile che lei abbia dato ai suoi libri, sia i saggi che il romanzo, un tale profumo di vita?

Meraviglioso! …profumo di vita… Impegnativo! …profumo di vita… Qualcosa di eterno! …profumo di vita… Grazie!

Grazie per la domanda e per la definizione che è in se stessa la domanda e la risposta. Ci riesco a causa del profumo di vita!

Le parole sono la mia vita, ma non ne abuso mai. Esse sono gli strumento che, per dovere o scelta, impiego per dare un senso alla mia personale ricerca umana che mai una volta è stata o è fuori dal mondo, ma nel cuore del cuore delle persone.

Penso sia questo il profumo di vita che lei percepisce. Quello che io scrivo è l’esperienza più ampia delle altre persone e che vivono la propria esistenza per quello che è senza chiedere null’altro che di essere ricordate.

La vita è ovunque, siamo noi che abbiamo dimenticato di respirarla perché ci siamo persi nell’individualismo e chiusi nell’egoismo. Fuori di noi c’è il mondo che non vogliamo vedere perché crediamo che dovremmo esserne protetti; esso, però, esiste comunque e se non lo viviamo diventeremo stranieri a noi stessi e smetteremo di respirare il profumo della vita.

Le storie da raccontare o il pensiero sulla vita da svelare possono spesso essere difficili, persino spaventose, ma sono le nostre storie e sta a ciascuno di noi cambiarle.

È probabilmente questo il profumo della vita che lei percepisce. Non è solo la mia vita, ma la vita degna di essere vissuta che leggo ovunque attorno a me nonostante il silenzio e l’indifferenza che hanno ridotto in schiavitù molti tra noi.

Grazie, il resto il privato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...