What a writer is!

This morning, almost obsequious, a person has told me ‘a writer has an interior eye’… Well, I answered not to think about writer with such a romantic attitude, nor as if they were heroes. We are not, not more of every person who works with responsibility.

A writer does not live in an abstract world, indeed, he is an attentive observer of the reality he hears, lives, suffers and enjoys without avoiding it and making his hand dirty. Exactly as the many other honest people who keep their attention alive for the others because they know they cannot do anything without them.

A writer works hard, because it is hard writing, also when you have the best of the intuitions. Writing is often also very painful because you have to create in words those imagines which kept your attention and those people who don’l live outside but inside you once you have met them.

I know writers who don’t know what an interior eye is, because they are too concentrated about themselves to observe life, and I know simple workers who know how to read in the deepest depth and with honesty and dignity they do their work.

Here it is, a writer is a worker of the word that often enslaves him while others sets him free. A writer is not a hero, he is a person who lives, fights, suffers and enjoys in the intimacy of his words that become humble, loyal and honest voice of the good and evil all together share.

 

Stamattina, con fare quasi ossequioso, una persona mi diceva “lo scrittore ha lo sguardo interiore”… mah! Ho risposto di non pensare agli scrittori con fare tanto romantico, né come se fossero degli eroi. Non lo siamo, non più di chiunque altra persona che svolga responsabilmente il proprio lavoro.

Lo scrittore non vive in un mondo astratto, anzi, è un attento osservatore della realtà che ascolta, vive, soffre e gioisce senza mai tirarsene fuori e sporcandosi sempre le mani. Proprio come le tante persone oneste che conservano consapevolmente l’attenzione per l’altro di cui sanno di non poter fare a meno.

Lo scrittore lavora, e molto, perché è faticoso scrivere, anche quando hai le migliori intuizioni. Spesso è anche doloroso ricreare con le parole quelle immagini che hanno attirato l’attenzione e quelle persone che non vivono più al di fuori ma dentro di sé.

Conosco scrittori che non sanno nemmeno cosa sia lo sguardo interiore, troppo presi da se stessi per osservare la vita, e conosco semplici operai che sanno leggere nel profondo del profondo e con umiltà e dignità compiono il proprio lavoro.

Ecco, lo scrittore è un operaio della parola che spesso lo rende schiavo e altre lo libera. Lo scrittore non è un eroe, è una persona che vive, combatte, soffre e gode nell’intimità della sua parola che si fa voce umile, leale e onesta del bene e del male che tutti condividiamo.

Annunci

Un pensiero su “What a writer is!

  1. Concordo. C’è una distinzione tra scrittore e poeta e forse questa persona ha confuso le 2 cose. Lo scrittore è un lavoratore, uno “scultore” della parola che legge, rilegge, suda e cambia mille volte le frasi. Le capovolge, le rigira fino a farle divenire pietre lisce come marmi brillanti, tanto che alla fine risplenderanno di emozioni, sensazioni ma anche di vita, di dolore. Le sue opere alla fine, profumeranno sua essenza.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...