Breathing the worst

Don’t you perceive we are breathing the worst? Can’t you smell the bitter scent which is fulfilling the mind of those who don’t want to understand that a pure breeze is made up of love and not of hate? Don’t you see that we are betraying the promise of peace we made our children and the children of our children? I cannot understand!

I cannot understand the reason why we start again to fight against mankind and life, I cannot understand the reason why men always find the solutions of the issues which afflict our time in dangerous and more perilous actions more similar to crimes than to action of peace and good for everyone.

I ask myself how is it possible in a time when no borders, no differences have a reason to exist that we continue to look for the worst… the worst for everybody, because there is no victory in any battle fought against the Man.

There are so many things to love, why do we always look to those we can hate?  I cannot understand!

It is not the power of money and lands which makes of us better people, it is no supremacy which gives us the possession of what we presume to have a right to, it is no thirst for power to satisfy our need to live.  I cannot understand!

The worse we do the worse we obtain because hate and power are not instruments of peace, not even with ourselves. It will not be richness or power to satisfy our craving for supremacy. We don’t need supremacy to cope with the others, but we need welcoming, listening, confrontation, sharing… things that exist though we don’t want to see them while we are surrendering to the barbarization of a life without a meaning.

We have the resources, the human ones, but we don’t want to employ them because they implies personal responsibilities we have discharged over others though we know they are misusing our confidence and reducing it to a silent frightened consent.

We still have time to realize we are returning back and in time stop this regression, we are still in time to remember ourselves we are part of the world and we should make the difference all together, wherever we are from, whatever our culture, language, religion, sex, color of the skin.

We are the breath of the earth, we are its life, its sense, its direction. We are the ones who can save humanity saving every and each person from whatever kind of abuse. We still have the time to give importance to what is important and taste and smell the breath of a humanity which is still human.

 

Non sentite di respirare il peggio? Non riuscite a sentire l’odore dell’amaro aroma che riempie la mente di quelli che non vogliono capire che la brezza pura è fatta di amore e non di odio? Non vedete che stiamo tradendo la promessa di pace che abbiamo fatto ai nostri figli e ai figli dei nostri figli? Non riesco a comprendere!

Non riesco a comprendere il motivo per cui abbiamo ricominciato a lottare contro l’umanità e la vita, non riesco a comprendere perché gli uomini trovano sempre la soluzione ai problemi che affliggono la nostra epoca in azioni rischiose e pericolose che sono più simili a crimini che ad azioni di pace e di bene per tutti.

Mi chiedo come sia possibile che, in un’epoca in cui nessun confine, nessuna differenza ha ragione di esistere, noi continuiamo a cercare il peggio… il peggio per tutti, perché non ci sono vittorie in una battaglia che si combatte contro l’Uomo.

Ci sono così tante cose da amare, perché cerchiamo sempre quelle da odiare? Non riesco a capire!

Non è il potere sul denaro e sulla terra che ci rende persone migliori, non è la supremazia che ci conferisce il possesso su quello cui crediamo di avere il diritto, non è la sete di potere che può soddisfare il nostro bisogno di vivere. Non riesco a capire!

Peggio ci comportiamo peggio otteniamo perché l’odio e il potere non sono strumenti di pace, nemmeno con noi stessi. Non saranno il potere e la ricchezza a soddisfare la nostra brama di supremazia. Non abbiamo bisogno della supremazia per confrontarci con gli altri, ma abbiamo bisogno di accoglienza, ascolto, confronto, condivisione… cose che esistono sebbene non vogliamo vederle mentre ci arrendiamo all’imbarbarimento di una vita priva di significato.

Noi abbiamo le risorse, quelle umane, ma non vogliamo impiegarle perché esse implicano responsabilità personali che abbiamo scaricato sugli altri sebbene sappiamo che questi stanno usando male la nostra fiducia e la stanno riducendo a un consenso silenzioso e spaventato.

Siamo ancora in tempo per capire che stiamo tornando indietro e in tempo per fermare questa regressione, siamo ancora in tempo per ricordarci di essere parte del mondo e che tutti insieme dovremmo fare la differenza, da qualsiasi parte proveniamo, qualunque sia la nostra cultura, la lingua, la religione, il colore della pelle, il sesso.

Noi siamo il respiro della terra, ne siamo la vita, il senso, la direzione. Noi siamo quelli che possiamo salvare l’Umanità salvando tutti e ciascuna persona da qualsiasi tipo di abuso. Siamo ancora in tempo per dare importanza a ciò che è importante e gustare e odorare il respiro di un’umanità che è ancora umana.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...