Obsessed by power

Power appears as one of the most requested objectives of the most. It seems to grant the opportunity to satisfy the wish of supremacy that many feel as a direct consequence of their stability.

The problem is that power, as considered by the most, has the negative connotation of being achieved through violence, both verbal, physical and psychological, and being conquered through strength, political or economical.

The strange is that there is none without any power, because power is not an esclusive absolute but breaths thanks to the ability people have to give it an occasion to represent something for someone.

I mean, the fact that we can, that’s to say we have the power to do something, is not necessarily negative. Everyone can long to develop himself/herself improving their own condition. Every one has the power to establish behaviors and attitudes to rule their own life. Everyone can use his/her power to research and discover new opportunities.

As a matter of fact, power in itself has not a negative connotation when it is employed with respect and because it indicates the common faculty to give a chance and a meaning to people and ideas. Power is I can with correctness and honesty to make of myself and my world something new to be shared without anyone could feel limited and oppressed by my choices.

The issue changes when power,  I can, is substituted by I can for myself alone. It changes because power changes in abuse thanks to the presumed strength we declare. When power becomes a suffering and an offense for others, it is abuse of power, that is a very different item.

We shouldn’t be obsessed by power, we shouldn’t run after it because of our egoistic presumption, we shouldn’t feel to be superior to every human being because we have power.

Power is not something one can possess. Power, the right power and not the abuse of power, does not belong to anyone but lives and shares everyone’s need and stories. Power, the real one, is not against people but in their favor, is never an imposition without discernment neither a whim. Power is an open eye and heart open to live and share the community.

 

Il potere si configura come uno degli obiettivi più richiesti dai più. Esso sembra garantire l’opportunità di soddisfare il desiderio di supremazia che molti provano come conseguenza diretta della propria stabilità.

Il problema è che il potere, come viene considerato dalla maggior parte, ha la connotazione negativa di essere raggiunto attraverso la violenza, verbale, psicologica e fisica, e di essere conquistato attraverso la forza, politica ed economica.

La cosa strana è che non esiste nessuno senza potere, poiché il potere non è un assoluto esclusivo, ma respira grazie alla capacità che l’individuo ha di dargli un’occasione per rappresentare qualcosa per qualcuno.

Voglio dire, il fatto che noi possiamo, cioè che abbiamo il potere di fare qualcosa, non è necessariamente negativo. Tutti possono ambire a sviluppare se stessi migliorando la propria condizione. Tutti hanno il potere di stabilire comportamenti e atteggiamenti che regolino la propria vita. Tutti possono impiegare il proprio potere per cercare e scoprire nuove opportunità.

Infatti, il potere in se stesso non ha una connotazione negativa quando è impiegato con rispetto e perché indica la facoltà comune a tutti di dare un’occasione e un significato alle persone e alle idee. Il potere è io posso con correttezza e onestà fare di me stesso e del mio mondo qualcosa di nuovo che io possa condividere senza che gli altri si sentano limitati o oppressi dalle mie scelte.

Il problema cambia quando il potere, io posso, si trasforma io posso per me stesso soltanto. Cambia perché il potere si trasforma in abuso  grazie alla presunta forza che dichiariamo. Quando il potere diventa una sofferenza e un offesa per gli altri, esso è abuso di potere, il che è un problema molto diverso.

Non dovremmo essere ossessionati dal potere, non dovremmo corrergli dietro a causa della nostra presunzione egoista, non dovremmo sentirci superiori agli altri esseri umani perché abbiamo il potere.

Il potere non è qualcosa che si possa possedere. Il potere, il potere giusto e non l’abuso di potere, non appartiene a nessuno ma vive e condivide i bisogni e le storie di ciascuno. Il potere, quello vero, non è contro la gente ma in loro favore, non è mai un’imposizione senza discernimento né è un capriccio. Il potere è uno sguardo e un cuore aperto per vivere e condividere la comunità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.