Life is separation

Life is separation… the beneath and the above, the ocean and the sky, the death and the life, the inside and the outside, the before and the after, etc.

Since the first breath a baby separates from its maternal womb, since its first cry it feels the pain of separation from guarantees and security. The baby does not know that separation will be the only certainty of the life, or maybe it does and this is the reason why of the scream which sounds aloud while air is entering its lungs. Then the child forgets it and starts the life of separation he/she is destined to without rebelling.

It’s a fact: we do separate since the beginning. Every event since then will deliver us a new separation; it’s through separations that we become men and women; it’s through separations we define our being and our role in the life we are choosing. They call it growth.

We separate from home and family when we go to school and learn to cope with others. We separate from friends when each one chooses his own profession. We separate from many more people and things while we grow up and realize what death and disillusion are.

Separation is the only thing we will never be able to separate from. Also when we die we separate from life and what the others feel and suffer for is the separation from our being.

However, despite the separation, there is something that will never change, neither when we die: the essence of our life, the good or evil, the love or hate.

Whatever we have been, including the many separations we have lived and sometimes suffered, our integrity and honest coherence in dignity will be the figure of our truth and this is what will remain of us unchangeable, what will survive to us and what will exist as the symbol of our being.

They will forget our face and voice, but never they will abandon the essence of our being, both in good and evil…

Let’s live in modesty and propriety then to be never separated from the essence we are and the people we love.

 

La vita è separazione… il sotto e il sopra, l’oceano e il cielo, la morte e la vita, il dentro e il fuori, il prima e il dopo, etc.

Sin dal suo primo respiro il bambino si separa dal grembo materno, fin dal primo pianto prova il dolore della separazione dalle garanzie e dalla sicurezza. Il bambino non sa che la separazione è l’unica certezza della vita, o forse lo sa ed è questo il motivo del suo urlo che suona forte mentre l’aria gli entra nei polmoni. Poi il bambino lo dimentica e comincia la vita di separazioni cui è destinato senza ribellarsi.

È un fatto: ci separiamo fin dal principio. Ogni evento da quel momento in poi ci consegnerà una nuova separazione; è attraverso le separazioni che diventiamo uomini e donne; è attraverso le separazioni che definiamo il nostro essere e il ruolo nella vita che stiamo scegliendo. La chiamano crescita.

Ci separiamo dalla casa e dalla famiglia quando andiamo a scuola e impariamo a stare con gli altri. Ci separiamo dagli amici quando ciascuno sceglie la propria professione. Ci separiamo da moltissime altre persone e cose quando scopriamo che cosa sia la morte e la disillusione.

La separazione è l’unica cosa dalla quale non ci separeremo mai. Anche quando moriamo ci separiamo dalla vita e ciò che gli altri provano e soffrono è la separazione dal nostro essere.

Comunque, nonostante la separazione, c’è qualcosa che non cambierà mai, neanche quando moriamo: l’essenza della nostra vita, il bene o il male, l’amore o l’odio.

Qualsiasi cosa siamo stati, incluse le molte separazioni che abbiamo vissuto e qualche volta sofferto, la nostra integrità e onesta coerenza nella dignità saranno la cifra della nostra verità ed è questo ciò che di noi resterà immutabile, ciò che ci sopravviverà e che esisterà come simbolo del nostro esistere.

Il volto e la voce saranno dimenticati, ma mai potrà essere abbandonata l’essenza del nostro essere sia in bene che in male…

Cerchiamo, allora, di vivere in semplicità e gentilezza per non essere mai separati dall’essenza di ciò che siamo e dalle persone che amiamo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.