Loneliness is not desperation

In the society of images and visibility you believe to be protected, but, indeed, you are more exposed than ever to the absence of sincere relationships. In a word, you find yourself alone. In the attempt to respond to the massified requests of appearance, it is easy to forget who you are because your main concern is not to act as you are, but to exhibit yourself according to the momentary demand.

I just think that loneliness is not desperation if you find the way to yourself, if you discover who you really are, if you are able to maintain your horizon open and your mind free.

I welcome the solitude free from the false consuetudes. I welcome the loneliness which allows to preserve a free point of observation of yourself and of the reality to which you wish to give a shape possible to be lived and shared. I welcome the solitude when its fruit is not the closure but the opening to others.

Loneliness is difficult, but maybe it makes of us better people because it gives us the opportunity to be true and not to follow the common thought indifferently and without any opportunity to choose.

 

Nella società delle immagini e della visibilità si crede di essere protetti, ma, invece, si è più esposti che mai all’assenza di relazioni sincere. In una parola, ci si scopre soli. Nel tentativo di rispondere alle richieste massificate dell’apparire, è facile dimenticare chi si è perché la preoccupazione principale non è agire per quello che si è, ma esibirsi secondo la richiesta del momento.

Io credo che la solitudine non sia disperazione se si riesce a trovare la via verso se stessi, se si scopre chi si è davvero, se si è capaci di mantenere aperto il proprio orizzonte e libera la propria mente.

Do il benvenuto alla solitudine libera dalle false consuetudini. Accolgo la solitudine che consente di preservare un punto di osservazione libero verso se stessi e la realtà alla quale si desidera dare una forma possibile da vivere e condividere. Do il benvenuto alla solitudine quando il suo frutto non è la chiusura, ma l’apertura agli altri.

La solitudine è difficile, ma forse ci rende persone migliori perché ci dà l’opportunità di essere veri e di non seguire il pensiero comune indifferentemente e senza alcuna possibilità di scegliere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...