“Il racconto dell’isola sconosciuta”, a place alive

‘Il racconto dell’isola sconosciuta’ is a very short story (about 24 pages plus the maps) where you can find the world… your own world.

Since the first lines José Saramago wants us to cope with real and unreal, the result is a surreal dream which becomes true.

It seems an appeal not to look for banality, but to undertake a mysterious travel in search of ourselves. We are willing to admit the existence of whatever is outside though we have no part in it, though what we see has already been discovered: we settle for clichés. What we don’t see, instead, the unknown and submersed world we don’t have words to describe, is usually abandoned and defined as inexistent.

We are suggested by the author to try to find the invisible because out of stereotypes and dark obsessing reality, there is the untold and unseen; there is an opportunity to discover what counts the most while discovering ourselves, our unlimited possibility to live and create the purest feelings which overcome the deep and obscure dreams revealing  the life we want.

 

“Il racconto dell’isola sconosciuta” è una storia molto breve (circa 24 pagine più le mappe) dove si può trovare il mondo… il proprio mondo.

Fin dai primi righi José Saramago ci pone di fronte al reale e all’irreale, il risultato è un sogno surreale che diventa realtà.

Sembra un appello a non cercare la banalità, ma a intraprendere un viaggio misterioso alla ricerca di noi stessi. Siamo disposti ad ammettere l’esistenza di qualsiasi cosa sia fuori di noi sebbene non ne siamo parte, sebbene ciò che vediamo è già stato scoperto: ci accontentiamo dei luoghi comuni. Ciò che non vediamo, invece, il mondo sconosciuto e sommerso che non abbiamo parole per descrivere, è di solito abbandonato e definito insistente.

Ci viene suggerito dall’autore di provare a cercare l’invisibile, perché al di fuori degli stereotipi e da una realtà oscura e ossessiva, c’è il non detto e il non visto; c’è un’opportunità ciò che conta di più mentre scopriamo noi stessi, la nostra possibilità illimitata di vivere e di creare i sentimenti più puri che sconfiggono i sogni profondi e oscuri rivelando la vita che vogliamo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.