The First Thing to Say

13442226_1017175555062423_7745991874801076904_n.jpgThe first thing to say is surely the most difficult to say though it is also the most important, I suppose.

My first thing today is a question I ask myself ‘Why should I open a blog?’ Many the possible answers from to acquire notoriety to advertise my books… well, these are true things, but they are not the most important, not for me.

Probably, reality is simpler than what one would expect: I’ve decided to open this blog to communicate, to tell but also listen to the different experiences of the people who want to do the same in the complete respect of the differences and without any kind of prejudice or offense.

The name I gave to this blog is the right perspective I use in my life and in my profession as a writer… Writing is testifying… which means to be respectful and honest while listening and giving voice to everyone… because the story of one is the story of everyone.

I will speak about me and my books, naturally, because they are my experience and my life, my passion and the ground where I nurture my roots; however, I will also speak of culture and books in general as well as of the daily life and difficulties each one can meet in his/her own life.

I will speak about my feelings and emotions, moreover I will try to keep the attention alive on one main concept: we are nothing else than voices, witnesses to the time and to the stories.

We are those who can make the difference giving a sense to our as well as others’ life. This is my Must: to give a voice to the forgotten and to be a part (and only one part) of the common everyday life with honesty, discretion, modesty, dignity.

I hope you would like to be a part of it with me.

 

La prima cosa da dire è sicuramente la più difficile da dire, sebbene sia anche la più importante, penso.

La mia prima cosa da dire è una domanda che faccio a me stessa “Perché dovrei aprire un blog?” Sono molte le risposte possibili, dall’acquisire un po’ di notorietà al pubblicizzare i miei libri… bene, sono tutte cose vere, ma non sono le più importanti, per me. 

Probabilmente, la realtà è più semplice di quanto ci si aspetti: ho deciso di aprire questo blog per comunicare, per narrare ma anche per ascoltare le esperienze diverse delle persone che vogliono fare la stessa cosa nel completo rispetto delle differenze e senza nessun tipo di pregiudizio o offesa.

Il nome che ho dato a questo blog è l’esatta prospettiva che uso nella mia vita e nella mia professione di scrittrice… Scrivere è testimoniare… il che significa essere rispettosi e onesti mentre si ascolta e si dà voce a ciascuno… perché la storia di uno è la storia di ognuno.

Parlerò di me e dei miei libri, naturalmente, perché è questa la mia esperienza e la mia vita, la mia passione e il terreno sul quale nutro le mie radici; comunque, parlerò anche di cultura e di libri in generale come anche della vita quotidiana e delle difficoltà che ciascuno può incontrare nella propria vita.

Parlerò dei miei sentimenti e delle emozioni, e inoltre cercherò di mantenere viva l’attenzione su un concetto principale: non siamo altro che voce, testimoni del tempo e delle storie.

Noi siamo quelli che possiamo fare la differenza dando un significato alla vita nostra e a quella degli altri. Questo è il mio Must: dare voce ai dimenticati ed essere parte (e solo una parte) della vita comune di ogni giorno con onestà, discrezione, pudore, dignità.

Spero che vogliate essere con me parte di questo progetto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...